Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1

calcio

I bianconeri subiscono un rigore discutibile nel primo tempo ma, nella ripresa, spingono senza sosta fino all’agognato pareggio

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1
@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1

@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1
@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1

@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1
@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1

@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1
@KEYSTONE / Christian Merz

Oss salva il Lugano: al Rheinpark è 1-1

@KEYSTONE / Christian Merz

All’ultimo respiro, con l’uomo meno atteso. Oss. Il Lugano ha scherzato con il fuoco ma alla fine, con merito, ha lasciato il Rheinpark di Vaduz con un pareggio, 1-1, portando così a tredici la striscia di risultati utili.

Il primo tempo non è stato certo memorabile. Perlomeno, i bianconeri hanno creato di più. Sfiorando il gol in tre occasioni: Sabbatini, per due volte, è stato poco lucido mentre Lovric, poco dopo la mezz’ora, ha centrato la traversa. Il Vaduz? Poca, pochissima qualità. Ma allo scadere ha beneficiato di un rigore, anticipiamo, sul quale si discuterà a lungo. Lavanchy non è riuscito a frenare la corsa, colpendo con la gamba l’avversario. Il quale aveva già calciato (fuori) il pallone. Proteste bianconere e trasformazione di Cicek. Doccia fredda, anzi freddissima.

Colpito nell’orgoglio, nella ripresa il Lugano ha provato subito a spingere alla ricerca del pareggio. Jacobacci, con coraggio, ha inserito anche Bottani e Lungoyi togliendo due elementi difensivi: Custodio e Kecskes. E proprio Bottani, appena entrato, si è trovato in buonissima posizione per l’1-1. Niente da fare. La partita, di fatto, si è trasformata in un assalto bianconero con, fra gli altri, anche Odgaard vicinissimo al pareggio. Il danese, tuttavia, ha peccato di scarsa cattiveria negli ultimi metri. Totalmente sbilanciato, secondo logica visto il risultato, il Lugano ha prestato il fianco anche ad alcune ripartenze dei padroni di casa. Riuscendo tuttavia a cavarsela, nonostante un Cicek davvero incontenibile a tratti. Merito, manco a dirlo, del grande vecchio Maric. Nel finale, Jacobacci ha tentato il tutto per tutto gettando nella mischia anche Oss e Covilo. Due pennelloni per cercare di indirizzare in porta l’agognato pallone dell’1-1. E proprio Oss, all’ultimo respiro, ha trovato il gol della domenica. Di sabato sera, certo, ma va benissimo così.

IL TABELLINO

Vaduz-Lugano 1-1 (1-0)

Reti: 45’ Cicek (rig.) 1-0, 92’ Oss 1-1.

Spettatori: 1.360. Arbitro: Adrien Jaccottet.

Vaduz: Büchel; Dorn, J. Schmied, Y. Schmied, Simani (63’ Rahimi), Hug; Prokopic (73’ Gajic), Wieser (46’ Gasser), Cicek (88’ Milinceanu), Lüchinger; Sutter.

Lugano: Osigwe; Kecskes (65’ Lungoyi), Maric, Daprelà; Lavanchy (88’ Oss), Lovric (88’ Macek), Custodio (65’ Bottani), Sabbatini, Guerrero; Odgaard, Gerndt (88’ Covilo).

Ammoniti: 7’ Custodio, 44’ Lavanchy, 45’ Jacobacci, 49’ Lüchinger, 56’ Y. Schmied, 81’ Gasser.

Note: Vaduz senza Coulibaly e Göppel (infortunati).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1