«Penso proprio che andremo agli ottavi»

Le reazioni

Vladimir Petkovic è convinto di chiudere fra le migliori terze, mentre i giocatori tornano su capelli, parrucchieri e critiche: «Cosa diranno i giornalisti adesso?»

«Penso proprio che andremo agli ottavi»
© KEYSTONE/Jean-Christophe Bott

«Penso proprio che andremo agli ottavi»

© KEYSTONE/Jean-Christophe Bott

Soddisfatto. E per nulla polemico. Anzi, quando gli chiedono di capelli ossigenati e parrucchieri Vladimir Petkovic taglia corto: «Non ho letto le critiche di questi giorni» dichiara il mister ai microfoni della RSI. Ha letto molto bene, il nostro commissario tecnico, la partita contro la Turchia. Preparata al meglio, condotta con personalità. «I turchi hanno mostrato il loro volto migliore di questi Europei, noi per contro avremmo meritato di segnare più gol. Con un po’ di cinismo, e mettendo a disposizione più palloni, magari avremmo pure strappato il secondo posto del girone. Pazienza. Siamo stati bravi, siamo reduci da tanti viaggi e tante fatiche. Nessuno ha fatto più chilometri di noi fra Roma e Baku». Ora, appunto, l’attesa. «Aspetteremo» commenta, serafico, Petkovic. «Ma siamo tranquilli. Il nostro, quello che potevamo influenzare, lo abbiamo fatto. Spero, anzi ne sono convinto, che non tutte le terze classificate chiuderanno a quattro punti. Quindi sì, penso proprio che andremo agli ottavi.

«L’importante era vincere» dice dal canto suo Ricardo Rodriguez, trovatosi a suo agio come centrale. «Le critiche di questi giorni? Noi, quando siamo sotto pressione, reagiamo sempre. E dimostriamo quanto valiamo davvero. Speriamo, ora, di chiudere fra le migliori terze». Doppietta, prestazione sublime, Xherdan Shaqiri allontana pure lui le polemiche di questa prima parte di Euro 2020: «Io i giornali non li leggo, mi fido solo del mio entourage». Laconico il commento di Haris Seferovic sul tema: «Abbiamo vinto, tutti assieme. Solo così, d’altronde, possiamo fare la differenza. Siamo stati criticati, anche per come ci tagliamo i capelli. Vedremo cosa diranno adesso. Il mio gol? È importantissimo. Forse fra i più importanti da quando gioco in Nazionale. Spero ovviamente di farne altri».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1