Peter Gilliéron: «Meglio fare sempre i Mondiali che vincerli una volta»

L’intervista

Il presidente uscente dell’Associazione svizzera di football si racconta a ruota libera all’alba dell’assemblea generale che eleggerà il suo sostituto

Peter Gilliéron: «Meglio fare sempre i Mondiali che vincerli una volta»
Peter Gilliéron, presidente uscente dell’Associazione svizzera di football. (Foto Keystone)

Peter Gilliéron: «Meglio fare sempre i Mondiali che vincerli una volta»

Peter Gilliéron, presidente uscente dell’Associazione svizzera di football. (Foto Keystone)

A fine giugno lascerà il suo ufficio, offrirà da bere ai colleghi («Ma un bicchiere me lo concederò anche io» dice) e poi chiuderà per sempre la porta dell’Associazione svizzera di football (ASF). Peter Gilliéron, in sella dal 2009, non sarà più il presidente della Federcalcio elvetica. «Non è facile dire addio, però era un atto dovuto» racconta. È l’inizio di una bella chiacchierata.

Presidente, dopo dieci anni siamo al passo d’addio. Come sta?

«Bene. Certo, è e sarà complicato dire addio a persone con cui ho lavorato per una vita. Ottenendo grandi traguardi. Entrai in ASF nel 1993. Il calcio, però, resterà una parte di me. E la Federazione continuerà a vivere».

Sabato, in occasione dell’assemblea dei delegati dell’ASF, verrà eletto il suo successore. Perché, a suo tempo, lei ha deciso di rinunciare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1