Petkovic si affida a Drmic per smontare la Svezia

Il commissario tecnico ha scelto l'undici titolare per l'ottavo di San Pietroburgo: Djourou e Lang sostituiranno gli squalificati Schär e Lichtsteiner

Petkovic si affida a Drmic per smontare la Svezia

Petkovic si affida a Drmic per smontare la Svezia

Petkovic si affida a Drmic per smontare la Svezia
Drmic festeggia il gol contro Costa Rica.

Petkovic si affida a Drmic per smontare la Svezia

Drmic festeggia il gol contro Costa Rica.

SAN PIETROBURGO (dal nostro inviato) – Il dato è tratto: Vladimir Petkovic ha scelto la formazione anti Svezia. Se le titolarizzazioni di Djourou e Lang (in sostituzione degli squalificati Schär e Lichtsteiner) erano annunciate da tempo, quella di Drmic è stata un'idea quasi dell'ultimo minuto. Toccherà dunque all'attaccante del Borussia Mönhengladbach l'ingrato ruolo del centravanti. Seconda panchina consecutiva per Haris Seferovic, che si accomoderà a fianco del ticinese Mario Gavranovic. Una mossa coraggiosa quella del commissario tecnico, volta a dare maggiore profondità e sostanza al reparto avanzato elvetico. Dal canto suo, Zuber si è ripreso dall'infezione che lo aveva colpito prima della sfida contro la Costa Rica e sarà regolarmente in campo dal primo minuto. Quanto alla Svezia, il solo assente annunciato è il metronomo Larsson (squalificato). Calcio d'inizio alle 16.00 elvetiche.

La formazione rossocrociata: Sommer; Lang, Djourou, Akanji, Rodriguez; Behrami, Xhaka; Shaqiri, Dzemaili, Zuber; Drmic.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Calcio
  • 1
    Calcio

    L’ultimo omaggio a Köbi Kuhn

    La grande famiglia del football ha partecipato alla cerimonia organizzata a Zurigo per ricordare l’ex allenatore della Svizzera

  • 2
    Il personaggio

    David Da Costa re per una notte

    La riserva di Noam Baumann rivive la serata di Kiev contro la Dinamo e lancia il guanto di sfida allo Young Boys: «Sì, il Lugano può battere i gialloneri»

  • 3
  • 4
    Calcio

    Renzetti: «Resto al 70%»

    Il presidente del Lugano allontana la cessione del club - L’Europa League tra orgoglio e rimpianti: «Ora puntiamo al 4. posto in campionato per rigiocarcela l’anno prossimo»

  • 5
    Il bilancio

    Campana: «Senza stadio, in Europa il Lugano è solo un nome»

    Michele Campana ripercorre l’esperienza bianconera in Europa League - Gli incontri con i dirigenti avversari, gli obiettivi sportivi mancati, la felicità e il rammarico - «Abbiamo dovuto giocare sempre in trasferta e non ce la siamo goduta, ma sono contento»

  • 1