Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Pontus Jansson intanto provoca Granit Xhaka mimando il gesto dell'aquila, ma il centrocampista non replica e guarda avanti: "Penso a giocare"

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

SAN PIETROBURGO (dal nostro inviato) – Vladimir Petkovic e Granit Xhaka non si scompongono. Sono l'immagine di una Svizzera che crede nell'impresa ma allo stesso tempo mantiene un profilo basso. "Al momento ho pensieri positivi" dice l'allenatore. "Le aspettative sono alte. Più si avvicina la partita e più sale la concentrazione". "Non vediamo l'ora di giocare" afferma dal canto suo Granit Xhaka. "La Svezia è un'ottima squadra, tuttavia noi vogliamo fare la nostra partita e soprattutto superare il turno".

I giornalisti svedesi chiedono a Xhaka di replicare a Pontus Jansson, che ha mimato per scherno il gesto dell'aquila sul quale tanto si è dibattuto a margine di Serbia-Svizzera. "Vorrei concentrarmi sulla partita" afferma Granit un po' seccato, dopo che l'addetto stampa Marco Von Ah aveva ribadito: "Preferiremmo rispondere a domande sul calcio". Successivamente Jansson ha chiarito il caso con un post su Instagram: "Non ha nulla a che vedere con la Svizzera, né con la politica. È un gesto che facevo già da bambino per i miei amici albanesi".

"Non penso troppo al passato e alle occasioni mancate" prosegue Petkovic, in riferimento al fatto che la Svizzera non vince una sfida ad eliminazione diretta da 80 anni. Un'eternità. "Abbiamo un'occasione molto importante davanti a noi e faremo di tutto per vincere".

"Questa è una partita che vogliamo dominare sul piano del gioco e delle occasioni" dice ancora il commissario tecnico. "La Svezia è un ottimo avversario, non dobbiamo dimenticare il percorso di cui è stata capace. Ma noi siamo la Svizzera e vogliamo fortemente la vittoria". "Vlado" non è minimamente preoccupato circa le assenze di Schär e Lichtsteiner per squalifica. "Si parla sempre di chi manca, mai di chi entra a sostituirlo. Io dico che ho ventitré uomini a disposizione e la Svizzera è coperta in ogni ruolo". Come sua abitudine, però, il mister non si sbilancia sulla formazione da mandare in campo. "Djourou? C'è ancora un allenamento. I titolari li sceglierò in seguito". E i rigori? Xhaka sbagliò due anni fa agli Europei contro la Polonia. "Ma non penso a quel tiro, anzi. Se la partita con la Svezia si deciderà ai calci di rigore io mi presenterò dal dischetto".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2
    Coronavirus

    «Eccezioni per lo sport? Non è il momento e altri le vorrebbero»

    La Conferenza dei direttori cantonali della sanità gela la Swiss Football League che chiedeva un trattamento speciale perle società in materia di quarantene di squadra e isolamenti - «La situazione epidemiologica non lo permette, inoltre si creerebbero attese in ulteriori settori»

  • 3
    Calcio

    L’Inter spera, il Real Madrid trema

    I nerazzurri battono 3-2 il Borussia M. Gladbach e restano aggrappati agli ottavi di finale di Champions League - Sempre nel gruppo B la squadra di Zidane cade 2-0 contro lo Shakhtar e ora rischia grosso - Avanti Liverpool e Porto

  • 4
    Calcio

    La Nazionale femminile crolla sul più bello

    La netta sconfitta subita in Belgio costa alle rossocrociate l’accesso diretto agli Europei del 2022 - Con ogni probabilità la squadra di Nils Nielsen dovrà passare dagli spareggi

  • 5
    Calcio

    Unico imbattuto in Europa, il Lugano sfida i grandi numeri

    A livello continentale la squadra bianconera è la sola a non aver commesso passi falsi - Carattere e concretezza valgono il secondo posto, ma le statistiche di gioco non premiano i ticinesi - Raffaele Poli: «Confermarsi su questi livelli a medio-lungo termine avrebbe qualcosa di miracoloso»

  • 1