Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Pontus Jansson intanto provoca Granit Xhaka mimando il gesto dell'aquila, ma il centrocampista non replica e guarda avanti: "Penso a giocare"

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

Petkovic suona la carica: “Vogliamo vincere”

SAN PIETROBURGO (dal nostro inviato) – Vladimir Petkovic e Granit Xhaka non si scompongono. Sono l'immagine di una Svizzera che crede nell'impresa ma allo stesso tempo mantiene un profilo basso. "Al momento ho pensieri positivi" dice l'allenatore. "Le aspettative sono alte. Più si avvicina la partita e più sale la concentrazione". "Non vediamo l'ora di giocare" afferma dal canto suo Granit Xhaka. "La Svezia è un'ottima squadra, tuttavia noi vogliamo fare la nostra partita e soprattutto superare il turno".

I giornalisti svedesi chiedono a Xhaka di replicare a Pontus Jansson, che ha mimato per scherno il gesto dell'aquila sul quale tanto si è dibattuto a margine di Serbia-Svizzera. "Vorrei concentrarmi sulla partita" afferma Granit un po' seccato, dopo che l'addetto stampa Marco Von Ah aveva ribadito: "Preferiremmo rispondere a domande sul calcio". Successivamente Jansson ha chiarito il caso con un post su Instagram: "Non ha nulla a che vedere con la Svizzera, né con la politica. È un gesto che facevo già da bambino per i miei amici albanesi".

"Non penso troppo al passato e alle occasioni mancate" prosegue Petkovic, in riferimento al fatto che la Svizzera non vince una sfida ad eliminazione diretta da 80 anni. Un'eternità. "Abbiamo un'occasione molto importante davanti a noi e faremo di tutto per vincere".

"Questa è una partita che vogliamo dominare sul piano del gioco e delle occasioni" dice ancora il commissario tecnico. "La Svezia è un ottimo avversario, non dobbiamo dimenticare il percorso di cui è stata capace. Ma noi siamo la Svizzera e vogliamo fortemente la vittoria". "Vlado" non è minimamente preoccupato circa le assenze di Schär e Lichtsteiner per squalifica. "Si parla sempre di chi manca, mai di chi entra a sostituirlo. Io dico che ho ventitré uomini a disposizione e la Svizzera è coperta in ogni ruolo". Come sua abitudine, però, il mister non si sbilancia sulla formazione da mandare in campo. "Djourou? C'è ancora un allenamento. I titolari li sceglierò in seguito". E i rigori? Xhaka sbagliò due anni fa agli Europei contro la Polonia. "Ma non penso a quel tiro, anzi. Se la partita con la Svezia si deciderà ai calci di rigore io mi presenterò dal dischetto".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Calcio
  • 1
    Calcio

    «Vietato avere paura»

    Il Lugano si reca a Sion per una sfida delicatissima: la vittoria rilancerebbe una squadra in evidente difficoltà - «Abbiamo un vissuto importante, fatto di carattere e qualità: torniamo a ricordarcelo» sottolinea mister Jacobacci

  • 2
  • 3
    Calcio

    Dentro la crisi bianconera

    La magra figura rimediata a Losanna ha certificato il periodo no e le gravi difficoltà della squadra allenata da Maurizio Jacobacci - Preoccupa il trend nel 2021: nessuna avversaria ha una media punti così bassa - Quando passa in svantaggio, il Lugano inoltre non riesce mai a vincere

  • 4
    Calcio

    «BarçaGate», arrestato l’ex presidente Bartomeu

    La polizia regionale catalana è intervenuta presso la sede blaugrana: diverse le persone in manette - Nel mirino l’operazione con cui il vecchio numero uno del Barcellona aveva screditato via social alcuni giocatori contrari alla propria linea

  • 5
    il commento

    Uno strike è andato

    Losanna, Sion e Zurigo: un trittico pericoloso, destinato a definire l’entità dell’attuale crisi bianconera

  • 1