Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Calcio

Il commissario tecnico dei rossocrociati lancia la supersfida del Parken contro la Danimarca – «La rimonta di Basilea? Può capitare nel calcio, io guardo le cose con filosofia e dico che per ottanta minuti eravamo stati superiori» – LE FOTO

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»
Vladimir Petkovic, al centro, assieme a Antonio Manicone e Pierluigi Tami. © Keystone

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Vladimir Petkovic, al centro, assieme a Antonio Manicone e Pierluigi Tami. © Keystone

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

Petkovic: «Svizzera, resta concentrata»

È convinto, Vladimir Petkovic. Tant’è che si lancia in una promessa: la Svizzera – domani – affronterà la Danimarca con un solo obiettivo. Vincere, se possibile giocando bene. «È da lunedì che pensiamo a questa sfida» racconta il commissario tecnico della nazionale rossocrociata. «Abbiamo lavorato bene, siamo pronti. C’è la giusta concentrazione».

Già, la concentrazione. Ultimamente gli elvetici hanno accusato parecchi cali di tensione. Come mai? Il commissario tecnico spiega: «Io preferisco guardare le cose con filosofia. Prendiamo il 3-3 contro la Danimarca, all’andata. Per ottanta minuti c’era solamente una squadra in campo. Ed eravamo noi. Loro sono stati migliori di noi negli ultimi dieci, riuscendo a rimontare tre reti. Succede, nel calcio. Non dovrebbe. Ma succede. Penso a Juventus-Napoli recentemente, oppure alle tante sfide dell’ultima Champions League. L’insegnamento da trarre? Semplice: bisogna essere sul pezzo fino alla fine, al novantacinquesimo e oltre».

Sorride, «Vlado». Anche perché il traduttore sembra aggiungere parecchi concetti quando riporta le parole del mister in danese. Con lui, nella tradizionale conferenza stampa della vigilia, ci sono Akanji e Lichtsteiner. Quest’ultimo – gli chiediamo – giocherà dal primo minuto? «Stephan è qui con noi, come tutti gli altri» taglia corto Petkovic. «E come tutti gli altri ha le stesse chance di partire titolare. Lui, ad ogni modo, è un elemento importantissimo sia in campo sia fuori».

A proposito di importanza, l’allenatore spende parole al miele per Zakaria. «È importante che un calciatore trovi spazio e minuti nel club di appartenenza. Solo così può dare un contributo vero alla nostra causa. Zakaria per me è un top player. Ha qualità, quantità. E soprattutto può ancora migliorare, raggiungendo un livello superiore. Inoltre, è una persona positiva».

Sotto con la Danimarca, quindi. Un avversario che la Svizzera non batte dal lontanissimo 1984.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1