«Politica sorda nei confronti della Swiss Football League»

Calcio

Michele Campana, direttore generale del FC Lugano, spiega perché non sono stati accettati i prestiti dell’Ufficio federale dello sport

«Politica sorda nei confronti della Swiss Football League»
Michele Campana, direttore generale del FC Lugano.

«Politica sorda nei confronti della Swiss Football League»

Michele Campana, direttore generale del FC Lugano.

«Non c’è stato modo di ricevere ascolto. La politica è sorda nei confronti della Swiss Football League. Non capisce qual è la situazione che stanno vivendo i club. Le condizioni che ci sono state dettate non erano assolutamente confacenti alle nostre esigenze. I rappresentanti dei 20 club riuniti in assemblea hanno pertanto deciso di non accettare i prestiti dell’Ufficio federale dello sport così come sono stati proposti. Noi, naturalmente, pensiamo al calcio. Ma il discorso vale anche per l’hockey su ghiaccio». Michele Campana, direttore generale del FC Lugano, è stato chiaro nell’indicare le problematiche e le lacune principali discusse ieri dai rappresentanti dei club, ovvero la responsabilità della Lega per la totalità dei prestiti, l’ammontare della garanzia richiesta e l’obbligo per la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1