Primo successo per la Juve di Pirlo

Serie A

La Sampdoria è stata battuta con 3 reti a 0 con gol di Kulusevski, Bonucci e Ronaldo - LE FOTO

Primo successo per la Juve di Pirlo
©EPA/ALESSANDRO DI MARCO

Primo successo per la Juve di Pirlo

©EPA/ALESSANDRO DI MARCO

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

Primo successo per la Juve di Pirlo

(Aggiornato alle 23.24) - La Juve ha avviato la stagione di Serie A con un primo successo. Campione delle ultime nove stagioni, la Vecchia Signora, guidata per la prima volta da Andrea Pirlo, ha battuto in casa la Sampdoria con 3 gol a 0. Le reti sono state ad opera di Kulusevski (13’), Bonucci (78’) e Ronaldo (88’).

«Ci vorrà tempo per riuscire a mettere insieme diversi modi di giocare, sarà difficile ma non voglio fare ‘copia e incolla’ di nessun allenatore. Ho le mie idee». Dai microfoni di Sky Sport, l’Andrea Pirlo allenatore, in giacca e cravatta, si presenta così nel dopo-partita del suo esordio vincente da tecnico, a spese della Sampdoria. «Non abbiamo avuto tanto tempo per lavorare - dice ancora -, i ragazzi sono stati con le nazionali, ci siamo allenati dieci giorni e abbiamo fatto solo un’amichevole con il Novara. Ci vorrà tempo per assimilare, e ci mancano dei giocatori: lo sappiamo, e intanto cerchiamo di fare del nostro meglio».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Cori razzisti a Cornaredo

    Calcio

    Il portiere del San Gallo Ati Zigi è stato preso di mira da alcuni spettatori della tribuna Monte Brè - Il club bianconero ha subito stigmatizzato il gesto ed è alla ricerca dei responsabili

  • 2

    Jacobacci: «La classifica? È un bel vedere»

    Calcio

    Dopo la vittoria contro il San Gallo l’allenatore del Lugano sottolinea i meriti e la capacità di soffrire della sua squadra: «Fermarsi ora, sul più bello, sarebbe un vero peccato» - Noam Baumann: «Questo club merita più considerazione»

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1