Rashford punisce la Svizzera

L'Inghilterra supera 1-0 la nazionale di Vladimir Petkovic nell'amichevole di Leicester

Rashford punisce la Svizzera
Sono gli inglesi a festeggiare, non la Svizzera

Rashford punisce la Svizzera

Sono gli inglesi a festeggiare, non la Svizzera

LEICESTER (dal nostro inviato) – La storia si ripete. La Svizzera incassa una sconfitta nell'amichevole di Leicester, aggiungendo così un nuovo capitolo alla maledizione: mai, infatti, siamo riusciti a battere gli inglesi a casa loro. Al King Power Stadium finisce 1-0. Decisiva una rete di Rashford all'inizio del secondo tempo. Peccato, perché i ragazzi di Vladimir Petkovic non hanno affatto demeritato pur mostrando alcune amnesie difensive.

L'Inghilterra preme subito sull'acceleratore, ma la prima occasione degna di nota è rossocrociata: Gavranovic ruba palla e serve immediatamente Shaqiri, che però spreca nel peggiore dei modi. I padroni di casa vanno a folate, a tratti schiacciano i nostri senza tuttavia impensierire davvero Sommer. E così, con il passare dei minuti la formazione di Vladimir Petkovic prende sempre più coraggio e iniziativa. Il citato Gavranovic veste i panni del rompiscatole e si rende pericoloso a più riprese. Gli elvetici piacciono per determinazione e personalità, sebbene il modulo sperimentale (un 3-5-1-1 con Lichtsteiner e Rodriguez più "alti") crei qualche grattacapo.

Nella ripresa Vladimir Petkovic dà avvio alla girandola dei cambi, una tipicità delle amichevoli. La Svizzera riparte con le stesse intenzioni del primo tempo, ma al 54' arriva la doccia fredda: sugli sviluppi di un corner la difesa elvetica rimane a guardare (male nello specifico il subentrante Mehmedi, Lichtsteiner e Moubandje) mentre Rashford insacca l'1-0. Il pubblico del King Power Stadium esulta. Gli inglesi hanno un altro ritmo e un altro tasso tecnico rispetto a prima, complici le sostituzioni effettuate da Gareth Southgate. E la Svizzera di riflesso soffre. Poi, all'improvviso, nel momento più difficile arriva un lampo: Schär si lancia in proiezione offensiva e serve Shaqiri in mezzo all'area. Un'occasione d'oro che però "XS" non sfrutta a dovere, anche perché il difensore Stones con un intervento prodigioso devia la conclusione in corner. I rossocrociati tornano a crederci e infatti alzano il baricentro, nella speranza di acciuffare il pari.

Speranza vana, dal momento che il forcing finale non produrrà nulla in termini di reti. La storia si ripete, purtroppo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Calcio
  • 1
    Calcio

    L’ultimo omaggio a Köbi Kuhn

    La grande famiglia del football ha partecipato alla cerimonia organizzata a Zurigo per ricordare l’ex allenatore della Svizzera

  • 2
    Il personaggio

    David Da Costa re per una notte

    La riserva di Noam Baumann rivive la serata di Kiev contro la Dinamo e lancia il guanto di sfida allo Young Boys: «Sì, il Lugano può battere i gialloneri»

  • 3
  • 4
    Calcio

    Renzetti: «Resto al 70%»

    Il presidente del Lugano allontana la cessione del club - L’Europa League tra orgoglio e rimpianti: «Ora puntiamo al 4. posto in campionato per rigiocarcela l’anno prossimo»

  • 5
    Il bilancio

    Campana: «Senza stadio, in Europa il Lugano è solo un nome»

    Michele Campana ripercorre l’esperienza bianconera in Europa League - Gli incontri con i dirigenti avversari, gli obiettivi sportivi mancati, la felicità e il rammarico - «Abbiamo dovuto giocare sempre in trasferta e non ce la siamo goduta, ma sono contento»

  • 1