La collaborazione

Renzetti all’Inter e a Marotta: «Diamoci questo primo bacio»

Il presidente del Lugano sfrutterà l’arrivo dell’Inter a Cornaredo per intensificare i rapporti con il club milanese – Dal mercato al know-how, ecco perché i bianconeri hanno bisogno dei nerazzurri

Renzetti all’Inter e a Marotta: «Diamoci questo primo bacio»
Angelo Renzetti e Beppe Marotta, amministratore delegato per la parte sportiva dell’Inter. (Foto Putzu)

Renzetti all’Inter e a Marotta: «Diamoci questo primo bacio»

Angelo Renzetti e Beppe Marotta, amministratore delegato per la parte sportiva dell’Inter. (Foto Putzu)

LUGANO - Non c’è solo del tenero, tra Lugano e Inter. Parlare di passione sfrenata sarebbe eccessivo, ma di certo quello nato sulle sponde del Ceresio va ben oltre il classico flirt estivo. Per dirla con Lucio Battisti: «Non sarà un’avventura». A modo loro, lo hanno fatto capire sia il presidente dei bianconeri Angelo Renzetti sia l’amministratore delegato per l’area sportiva del...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1
    Calcio

    Team Ticino, il Lugano risponde all’ACB

    I granata puntano il dito contro Novoselskiy e sono pronti a fare causa ai bianconeri in caso di mancata conciliazione – Angelo Renzetti guarda avanti: «L’assemblea di martedì si terrà come da programma e noi proporremo il sottoscritto, Novoselskiy, Michele Campana e Paolo Ortelli»

  • 2
  • 3
  • 4
    Calcio

    Sarà un Super cambiamento?

    La proposta di riforma del massimo campionato svizzero alla lente - Il CEO della Swiss Football League Claudius Schäfer: «È il momento giusto, vogliamo essere più attrattivi» – Il direttore generale del Lugano Michele Campana: «Ora è un gioco al massacro»

  • 5
    Calcio

    Novoselskiy lascia il CdA del Lugano, ma resta azionista

    L’imprenditore russo ha dato le dimissioni dal vertice della SA bianconera, mantenendo comunque il 40% delle quote societarie - «La mia era stata una nomina simbolica, ero però membro senza diritto di firma e raramente riuscivo a partecipare» spiega il diretto interessato

  • 1