Renzetti: «Tanta confusione, prendiamola come è andata»

Calcio

Il presidente ha sofferto parecchio prima che il suo Lugano piegasse lo Sciaffusa: «Non ho visto un gioco d’attacco» - Jacobacci: «La squadra ha fatto i compiti»

Renzetti: «Tanta confusione, prendiamola come è andata»
© KEYSTONE/Ennio Leanza

Renzetti: «Tanta confusione, prendiamola come è andata»

© KEYSTONE/Ennio Leanza

«Ci teniamo il passaggio del turno». Fabio Daprelà ha un sorriso tirato. Ci sono voluti centoventi minuti per avere ragione di uno Sciaffusa tosto e coraggioso. E della solita, mezza verità: in Coppa Svizzera è davvero facile, facilissimo cadere nel trappolone. Soprattutto quando l’avversario è di categoria inferiore e non ha nulla da perdere. Passato in vantaggio dopo pochissimi minuti, al termine di una ripartenza finalizzata da Lovric, il Lugano ha giocato a corrente alternata. Accendendosi e spegnendosi, non trovando mai il guizzo giusto. Quasi mai, se è vero che ad un niente dai rigori è arrivata la capocciata di Covilo. Per fortuna. C’era chi, in tribuna, temeva infatti la cosiddetta beffona. Ovvero il gol sporco dei gialloneri.

Una brutta serata

È andata, dai. E pazienza se Angelo Renzetti,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1