Righetti: «Jacobacci è adatto alla nostra realtà»

Calcio

Il presidente del Bellinzona motiva l’allontanamento di Luigi Tirapelle, cui è stato chiesto di rimanere con un altro ruolo

Righetti: «Jacobacci è adatto alla nostra realtà»
Il nuovo tecnico del Bellinzona Maurizio Jacobacci. (Foto CdT)

Righetti: «Jacobacci è adatto alla nostra realtà»

Il nuovo tecnico del Bellinzona Maurizio Jacobacci. (Foto CdT)

Era nell’aria, adesso è realtà: come anticipato dal nostro giornale, il Bellinzona ha esonerato mister Luigi Tirapelle e affidato la conduzione della prima squadra all’esperto Maurizio Jacobacci (foto CdT). Classe 1963, «Jako» nella sua lunga carriera in panchina ha guidato Delémont, Baden, Wil, Vaduz, Sion, Kriens, Sciaffusa, Wacker Innsbruck in Austria, nuovamente Wil e Sion. La sua carriera come allenatore di fatto cominciò proprio in Ticino, dove a cavallo fra gli anni Novanta e Duemila guidò Origlio, Monte Carasso, Mendrisio e Chiasso. Per lui anche un’esperienza come vice allenatore al Grasshopper. «È stata una decisione difficile e sofferta» le parole di Paolo Righetti, presidente granata. Dettata, va da sé, dai risultati tutto fuorché esaltanti ottenuti in questo primo scorcio di stagione (due sconfitte in tre partite). «Gigi Tirapelle è una persona splendida. A livello umano è un avvicendamento che fa male, tuttavia c’erano alcune situazioni irrisolte. Perciò abbiamo optato per il cambiamento. Riteniamo che mister Jacobacci, che fra l’altro come giocatore militò anche nel Bellinzona, conosca bene la Promotion e abbia il profilo ideale per la nostra realtà. A Tirapello ad ogni modo abbiamo chiesto di rimanere con un altro ruolo. Si prenderà del tempo per decidere».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1