Schäfer: «La luce in fondo al tunnel è ancora piuttosto lontana»

L’Intervista

Nonostante la revoca dei limiti di capienza negli stadi e il possibile ritorno in massa degli spettatori, il CEO della Swiss Football League resta piuttosto cauto in merito a una rapida ripresa del calcio elvetico: «Sul piano economico ci vorranno almeno un altro paio d’anni, ma il via libera sul pubblico in vista della nuova stagione è un punto di partenza molto soddisfacente».

Schäfer: «La luce in fondo al tunnel è ancora piuttosto lontana»
Secondo Claudius Schäfer il pericolo di fallimento per i club svizzeri non è ancora del tutto scongiurato. © Keystone/Peter Klaunzer

Schäfer: «La luce in fondo al tunnel è ancora piuttosto lontana»

Secondo Claudius Schäfer il pericolo di fallimento per i club svizzeri non è ancora del tutto scongiurato. © Keystone/Peter Klaunzer

Signor Schäfer, qualche mese fa auspicava - in vista della nuova stagione - di poter accogliere gli spettatori allo stadio senza limiti di capienza. Il suo desiderio, grazie alla decisione presa dal Consiglio federale, si è avverato...

«Sono davvero molto soddisfatto. All’epoca, quando esposi il mio pensiero, si parlava di un tetto massimo di 3.000 spettatori alla ripresa delle competizioni, mentre per la revoca dei limiti di capienza erano stati menzionati i mesi di settembre e ottobre. Condizioni, a nostro avviso, semplicemente inaccettabili. Trovo invece che il compromesso adottato dal Consiglio federale, con l’imposizione del certificato COVID quale requisito per l’entrata allo stadio, sia perfetto».

Una scelta, questa, che ha anche evitato di incappare in un possibile dilemma etico...

«Esattamente....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1