Se alla ripresa il Lugano s’inceppa

Calcio

Dal ritorno in Super League i bianconeri hanno quasi sempre steccato l’avvio della seconda parte del torneo - Solo nella stagione 2017/18, con Tami in panchina, i ticinesi centrarono i 3 punti

Se alla ripresa il Lugano s’inceppa
A San Gallo il Lugano di Noam Baumann è crollato nel secondo tempo. ©Keystone/Gian Ehrenzeller

Se alla ripresa il Lugano s’inceppa

A San Gallo il Lugano di Noam Baumann è crollato nel secondo tempo. ©Keystone/Gian Ehrenzeller

Per chi soffre d’ipocondria sono giorni difficili. Seppur ancora da decifrare, il coronavirus è oramai sbarcato in Europa e di conseguenza rappresenta ufficialmente un nuovo, temutissimo nemico. Come se non bastasse quella dannata influenza, che a metà gennaio ha superato la soglia epidemica è lì in agguato, in ufficio come per le strade, pronta a fare un’altra vittima. Pure il Lugano osservato domenica al Kybunpark presenta sintomi sospetti. Più che di «malade imaginaire» sarebbe però meglio parlare dell’ennesima ricaduta. Non a caso nel dopopartita il presidente Angelo Renzetti ha sintetizzato il crollo accusato nel secondo tempo con un tagliente: «È la solita storia». Un concetto, questo, ribadito addirittura a quattro riprese, per evidenziare nell’ordine: 1) il pallone perso da Holender...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Il Lugano e quei gol in extremis: illusione o virtù?

    Calcio

    Domenica a Sion, per la quinta volta in stagione, la squadra di Maurizio Jacobacci ha trovato una rete decisiva oltre l’ottantesimo minuto, raddrizzando un match incanalatosi sui binari sbagliati - Un film già visto, che però inizia a sollevare anche qualche interrogativo in merito alla sua sostenibilità sul lungo periodo

  • 3

    I limiti del Lugano e di Jaccottet

    Kubilandia

    Kubilay Türkyilmaz torna sul pareggio di Sion, sottolineando l’importanza del terzo posto in classifica agguantato dai bianconeri ma pure le ombre della sfida andata in scena al Tourbillon

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1