Sull’orme di Jacobacci, ma con più fantasia

Calcio

Dopo otto turni il Lugano di Croci-Torti ha 14 punti: solo «Jaco» aveva fatto meglio - Rispetto al suo ex superiore, il nuovo tecnico dei bianconeri sta però dimostrando maggiore flessibilità - La squadra appare anche sfrontata, mantenendo in parte l’impronta di Braga: un possibile rischio?

Sull’orme di Jacobacci, ma con più fantasia
©CdT/Gabriele Putzu

Sull’orme di Jacobacci, ma con più fantasia

©CdT/Gabriele Putzu

È un Lugano da parte alta della classifica. Lo suggerisce il campo. Lo certificano i numeri. Preziosi indicatori alla seconda pausa stagionale dedicata alle nazionali. Un «break» al quale la squadra di Mattia Croci-Torti giunge con entusiasmo. E, di riflesso, grande serenità. La vittoria di sabato sera contro il Losanna - la seconda consecutiva e della nuova gestione tecnica - ha proiettato i ticinesi a quota 14 punti. Tanti, sì, a maggior ragione considerate le turbolenze estive. Un record da quando il club è in Super League? No, questo no. Perché Maurizio Jacobacci, dopo otto turni di campionato, era riuscito a fare anche meglio. Issando provvisoriamente il Lugano al secondo posto, forte di 16 punti. Correva l’autunno del 2020 e quella compagine aveva capito in poco tempo come fare fortuna....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Nessuno ha pochi rigori come il Lugano

    Calcio

    Dal 2018-19 in avanti, in Super League, i bianconeri si sono presentati sul dischetto ogni 667 minuti – Lo Young Boys, primo in questa speciale classifica, ogni 354 minuti – Tra una settimana intanto riparte il campionato: facciamo il punto della situazione

  • 2
  • 3
  • 4

    Stelle di un altro firmamento

    Calcio

    A fine marzo il «Clasico» femminile tra Barcellona e Real Madrid potrebbe spingere al Camp Nou più di 70.000 spettatori: un record a livello di club - Al di là della simbolicità di alcune iniziative, il divario con i colleghi rimane enorme - Formazione, professionalizzazione, salari e visibilità: le sfide della crescita

  • 5

    Svizzera-Kosovo: festa del calcio o bomba a orologeria?

    Calcio

    L’amichevole del 29 marzo, in programma a Zurigo, costituirà una prima storica - Alcuni rossocrociati riabbracceranno le proprie origini: il timore è che sulle tribune e forse in campo lo sport lasci spazio alla propaganda - Pierluigi Tami: «I Mondiali del 2018? Insensato evocarli»

  • 1
  • 1