Svizzera, ecco l’undici anti Georgia

Calcio

La nazionale rossocrociata alle 20.45 scenderà in campo a San Gallo contro la modesta selezione di Vladimir Weiss: i georgiani sfrutteranno la partita come «test» in vista dei playoff per l’Europeo - Seferovic non ce la fa, gioca Vargas

Svizzera, ecco l’undici anti Georgia
L’allenatore della Svizzera Vladimir Petkovic. © Keystone/Gian Ehrenzeller

Svizzera, ecco l’undici anti Georgia

L’allenatore della Svizzera Vladimir Petkovic. © Keystone/Gian Ehrenzeller

È fatta, quasi. La Svizzera è vicinissima all’ennesima qualificazione ad un grande torneo. La quarta consecutiva. Ai rossocrociati basteranno 4 punti contro Georgia e Gibilterra. Euro 2020 praticamente è lì, a portata di mano.

Guai, però, a sottovalutare l’avversario odierno e a lasciarsi prendere dall’euforia. «Non c’è niente di facile nel calcio» sottolinea il capitano, Stephan Lichtsteiner. Certo, gli ingredienti perché la Svizzera conquisti la vittoria questa sera ci sono: la Georgia è tutto fuorché una corazzata, mentre la Svizzera sarà sospinta dagli oltre 16 mila spettatori del Kybunpark. San Gallo, una volta ancora, ha risposto presente. «Non c’è niente di facile – prosegue Lichtsteiner – e lo abbiamo dimostrato, nostro malgrado, in questo girone di qualificazioni. Giocando bene ma lasciando punti per strada. Spero e credo che abbiamo imparato dai nostri errori. Chiuderemo il discorso».

Alla vigilia, anche il commissario tecnico Vladimir Petkovic ha invitato i suoi alla calma: l’obiettivo non è ancora stato raggiunto e, proprio per questo, la pressione sulla Nazionale è paragonabile a quella avvertita prima del big match contro l’Irlanda, il mese scorso a Ginevra. «La qualificazione diretta ai prossimi Europei è nelle nostre mani» le parole del mister. «A maggior ragione, i passi falsi sono vietati. Non possiamo permetterceli».

La Georgia, al di là di un ranking FIFA modesto, è risultato rognoso. Tanto agli svizzeri, costretti a sudare a Tbilisi prima di vincere per 2-0, quanto a Danimarca e Irlanda (entrambe bloccate sullo 0-0). «Loro sanno difendere bene e curare il possesso» l’analisi di «Vlado».

Come Petkovic, anche il coach dei georgiani – lo slovacco Vladimir Weiss – è alle prese con parecchie assenze per infortunio. «Il problema è che io, rispetto al mio collega, non ho cento giocatori dello stesso livello. Ho convocato ragazzi che militano in squadre medio-basse in Grecia e Kazakistan».

Quello di San Gallo sarà il penultimo «test» in vista degli attesissimi playoff di marzo, ai quali la Georgia parteciperà grazie al primo posto nel suo girone di Lega D nella Nations League. In semifinale, i ragazzi di Weiss affronteranno una fra Bielorussia e Lussemburgo (in casa) mentre in caso di finale potrebbero incrociare la Macedonia o il Kosovo di Challandes.

Temperatura rigida, pubblico delle grandi occasioni e una voglia matta di scrivere un altro pezzetto di storia, al di là di una squadra fortemente rimaneggiata causa infortuni. La Svizzera è pronta per affrontare una Georgia rognosa e senza troppi grilli per la testa, desiderosa di sgambettare una nazionale profilata come la nostra. All’ultimo momento Vlado ha dovuto rinunciare a Seferovic, infortunatosi durante il riscaldamento: al suo posto giocherà Vargas

La formazione: Sommer; Elvedi, Akanji, Rodriguez; Lichtsteiner, Zakaria, Xhaka, Steffen, Edimilson; Ajeti, Vargas.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Jacobacci: «Non sono qui per stabilire record»

    Calcio

    Alla Maladière il Lugano vuole allungare la striscia delle vittorie e portarsi a +10 dal Neuchâtel Xamax penultimo in classifica - L’allenatore: «Un successo ci farebbe compiere un importante balzo verso la serenità sportiva»

  • 2

    Maxi Lopez, Lugano e Leo Messi

    CALCIO

    Il calciatore argentino, classe 1984, si è affidato al fisioterapista Roby Maragliano per rimettersi in forma dopo un infortunio – «Parlo solo di pallone, niente gossip» ci ha detto a Savosa – IL VIDEO

  • 3
  • 4

    Sabbatini: «Per alcuni di noi è più complicato»

    FC Lugano

    Il capitano dei bianconeri commenta la possibile cessione del club: «Il tema è nell’aria e abbiamo imparato a conviverci, però chi è in scadenza s’interroga» – Il centrocampista e il rapporto con Angelo: «Il suo addio? Dispiacerebbe a me e ai tifosi»

  • 5
  • 1
  • 1