Uli Forte rileva Tomislav Stipic sulla panchina del GC

Calcio

Al nuovo tecnico spetterà il difficile compito di evitare un’ingloriosa retrocessione

Uli Forte rileva Tomislav Stipic sulla panchina del GC
Uli forte e i il presidente del GC Stephan Rietiker. (Foto Keystone)

Uli Forte rileva Tomislav Stipic sulla panchina del GC

Uli forte e i il presidente del GC Stephan Rietiker. (Foto Keystone)

ZURIGO - Nuovo, ennesimo ribaltone in casa GC. Dopo sole 5 partite (e 3 punti) sulla panchina delle Cavallette il tecnico Tomislav Stipic è stato esonerato in corsa e sostituito da Uli Forte. Stipic paga i risultati tutt’altro che esaltanti che hanno spinto il neo presidente Stephan Rietiker ad affidare la squadra a Forte, cui spetterà il difficile compito di evitare un’ingloriosa retrocessione in Challenge League per la «Juventus della Svizzera». Il GC, ricordiamo, è attualmente ultimo in classifica con 21 punti, a -5 dallo Xamax.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Difesa in emergenza, ma obiettivo tre punti

    Calcio

    Per la sfida di domenica contro il Losanna, mister Jacobacci deve rinunciare a Maric, Guerrero e Kecskés - «Un’intera settimana di lavoro ci ha però fatto bene» sottolinea il tecnico del Lugano

  • 3

    Lo Ziegler d’America: «Caro Lugano, possiamo fare bene»

    Calcio

    Il neoacquisto dei bianconeri, reduce dall’esperienza nella Major League Soccer, affronta di petto gli scettici: «I miei 35 anni? Sono solo un numero, dentro di me c’è un fuoco che arde e nel Lugano ho trovato una squadra ambiziosa» - «La passione a Dallas è incredibile, ma il 2020 è stato difficile: per il ginocchio a terra durante l’inno abbiamo ricevuto tanti fischi»

  • 4

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 5

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 1
  • 1