Un’altra espulsione per Xhaka, stavolta contro il Liverpool

Calcio

Da quando è arrivato in Premier League, nel 2016, nessuno ha collezionato più cartellini rossi del capitano rossocrociato

Un’altra espulsione per Xhaka, stavolta contro il Liverpool
L’eccesso di foga di Granit Xhaka, che colpisce duramente al ventre Diogo Jota.

Un’altra espulsione per Xhaka, stavolta contro il Liverpool

L’eccesso di foga di Granit Xhaka, che colpisce duramente al ventre Diogo Jota.

Dopo la sconfitta in Coppa d’Inghilterra dello scorso fine settimana contro il Nottingham Forest (0-1) vissuta però dall’esterno a causa di un test positivo al coronavirus, Granit Xhaka si è nuovamente distinto, ma in negativo, con i Gunners. Nella sfida di andata di semifinale della Coppa della Lega contro il Liverpool (0-0), Xhaka è intervenuto duramente su Diogo Jota colpendolo sul ventre. L’arbitro non ha esitato ad estrarre il cartellino rosso. Per il capitano della nazionale rossocrociata si tratta della quinta espulsione da quando è in forza all’Arsenal. Dal suo arrivo in Premier League, nel 2016, nessuno è stato espulso con tanta assiduità.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Nessuno ha pochi rigori come il Lugano

    Calcio

    Dal 2018-19 in avanti, in Super League, i bianconeri si sono presentati sul dischetto ogni 667 minuti – Lo Young Boys, primo in questa speciale classifica, ogni 354 minuti – Tra una settimana intanto riparte il campionato: facciamo il punto della situazione

  • 2
  • 3
  • 4

    Stelle di un altro firmamento

    Calcio

    A fine marzo il «Clasico» femminile tra Barcellona e Real Madrid potrebbe spingere al Camp Nou più di 70.000 spettatori: un record a livello di club - Al di là della simbolicità di alcune iniziative, il divario con i colleghi rimane enorme - Formazione, professionalizzazione, salari e visibilità: le sfide della crescita

  • 5

    Svizzera-Kosovo: festa del calcio o bomba a orologeria?

    Calcio

    L’amichevole del 29 marzo, in programma a Zurigo, costituirà una prima storica - Alcuni rossocrociati riabbracceranno le proprie origini: il timore è che sulle tribune e forse in campo lo sport lasci spazio alla propaganda - Pierluigi Tami: «I Mondiali del 2018? Insensato evocarli»

  • 1
  • 1