Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Argentina in lutto

Buenos Aires ha dato l’ultimo, addolorato saluto a Maradona - Prima di essere seppellita, la bara della Mano de Dios è stata presa d’assalto tra pianti, baci e urla -Il rito collettivo ha fatto scordare per un attimo la pandemia e la crisi – Scontri con la polizia - LE FOTO

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona
©EPA/Juan Ignacio Roncoroni

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

©EPA/Juan Ignacio Roncoroni

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Un lungo abbraccio e milioni di lacrime per dire addio a Maradona

Come accadde con Evita e Perón a centinaia hanno cominciato a mettersi in fila fuori dalla Casa Rosada a partire dalla notte di mercoledì fino a raggiungere un serpentone umano di circa un milione di persone, per dare l’ultimo saluto a Diego Armando Maradona, sotto la luce dei fuochi d’artificio e il tifo rumoroso della curva del Boca, la famosa «LA 12».Dentro il palazzo presidenziale, in quella bara ricoperta dalla bandiera argentina, e dalle maglie del Boca e della nazionale biancoceleste giace il corpo della Mano de Dios, campione tra i più adorati al mondo, da adesso definitivamente consegnato alla leggenda. Una cerimonia di saluto organizzata nello stesso salone dove fu esposto nel 2010 il feretro dell’ex presidente della repubblica Néstor Kirchner. Fuori, anche con numerosi episodi di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Difesa in emergenza, ma obiettivo tre punti

    Calcio

    Per la sfida di domenica contro il Losanna, mister Jacobacci deve rinunciare a Maric, Guerrero e Kecskés - «Un’intera settimana di lavoro ci ha però fatto bene» sottolinea il tecnico del Lugano

  • 3

    Lo Ziegler d’America: «Caro Lugano, possiamo fare bene»

    Calcio

    Il neoacquisto dei bianconeri, reduce dall’esperienza nella Major League Soccer, affronta di petto gli scettici: «I miei 35 anni? Sono solo un numero, dentro di me c’è un fuoco che arde e nel Lugano ho trovato una squadra ambiziosa» - «La passione a Dallas è incredibile, ma il 2020 è stato difficile: per il ginocchio a terra durante l’inno abbiamo ricevuto tanti fischi»

  • 4

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 5

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 1
  • 1