Un pari a Sion: Lugano ancora senza vittoria

Calcio

Celestini: «Una maledizione? Non ci credo molto. Anche se a questo punto inizio a pensarci»

 Un pari a Sion: Lugano ancora senza vittoria
Ndoye festeggia la rete del pareggio ottenuta in pieno recupero contro il Lugano. (Foto Keystone)

Un pari a Sion: Lugano ancora senza vittoria

Ndoye festeggia la rete del pareggio ottenuta in pieno recupero contro il Lugano. (Foto Keystone)

SION - Il Lugano reclama per una spinta su Sulmoni, in pieno recupero. Proprio sull’azione che ha portato al pareggio beffa. Un Lugano che si dispera, che passa dalla gioia alla profonda tristezza per essere tornato a casa con due punti in meno di quanto previsto. Un Lugano che non sa più cosa sia la parola «vittoria». Il successo pieno manca da otto partite oramai. Al di là degli episodi, della sfortuna o dei presunti furti, ciò che conta in questo momento è l’incapacità pressoché totale di gestire le partite. Se mercoledì contro il Thun niente è andato per il verso giusto, stavolta qualcosina si è visto. Ci sono stati il carattere, la voglia di combattere, il desiderio di ribaltare una brutta situazione. Eppure, come sempre, i bianconeri sono usciti praticamente a mani vuote dal Tourbillon....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Il piano d’emergenza dell’UEFA, tra diktat e campi neutri

    Calcio

    Nyon e le 55 federazioni hanno varato un severo protocollo per permettere lo svolgimento delle coppe europee - In caso di contagi in squadra bastano 13 giocatori sul foglio partita - Corridoi d’emergenza in Polonia, Ungheria, Grecia e Cipro

  • 3

    Vaduz in paradiso, Thun retrocesso

    Calcio

    Non basta il successo per 4-3 dei bernesi - In virtù del 2-0 della gara d’andata gli uomini di Frick conquistano la promozione in Super League

  • 4

    «O in più di mille, o ci schiantiamo»

    L’ultimo appello

    Claudius Schäfer e Denis Vaucher chiedono al Governo di salvare lo sport professionistico - Il CEO della Swiss Football League: «Abbiamo più esperienza e diamo grande peso ai nuovi piani di protezione» - «Se non si alza il limite degli spettatori dovremo riflettere a un possibile lockout» avvisa il direttore della Lega hockey

  • 5
  • 1
  • 1