Vietato ai minori

Viva la sostanza e un pizzico de panza

Rubrica a cura di Gianluca Pusterla

 Viva la sostanza e un pizzico de panza
Foto Keystone

Viva la sostanza e un pizzico de panza

Foto Keystone

MUZZANO - Duole dirlo, ma i campionati sono terminati. Piango. E ora che faccio nei fine settimana? Se qualcuno dovesse organizzare una partita di calcetto e volesse un resoconto scritto o una cronaca in diretta mi scriva senza problemi! In queste calde sere estive se vi dovesse capitare di passare nei pressi dei campi non vedrete nessun tipo di movimento. Forse dei bambini che giocano (in quel caso tutti in campo!).

E dove sono allora i calciatori? Bella domanda. Se per «quelli veri» le mete più ambite sono Formentera e la Sardegna, per i nostri è sicuramente Milano Marittima, meglio conosciuta come MiMa. Lì, tra Spritz, Mojito e bollicine, si festeggia la stagione o, più semplicemente, si cementifica il gruppo. In alternativa si possono pure dimenticare le delusioni (mica ci dev’essere sempre un motivo per svagarsi). Lo farà tra qualche giorno il Paradiso (e dall’euforia dei protagonisti gli esercenti vivranno qualche giorno di grazia: salute!), lo hanno già fatto alcune squadre e altre partiranno nei prossimi giorni. Papeete Beach. Musica, sole, belle ragazze, su i bicchieri e via i pensieri. Magari con un’improvvisata sfida a pallone sulla spiaggia in stile Aldo, Giovanni e Giacomo. Occhio a scegliere i giusti giorni, altrimenti vi imbatterete in code interminabili.

È il tempo della ricreazione, di svagarsi, eliminare le tossine di una stagione interminabile e poi ripartire nell’anno che verrà. Ma come presentarsi nelle migliori condizioni al mare? È prassi, a poche settimane dalla fine dei campionati, cercare di migliorare il migliorabile, tra flessioni e addominali. Lavori ed esercizi post allenamento sperando nel miracolo. È difficile che questo avvenga, ma almeno sarete in pace con voi stessi («ci ho provato...»). Io, a dire il vero, quest’anno non ho fatto proprio nulla. Volevo fare l’abbonamento in palestra per presentarmi in forma smagliante e fare faville al mare. Una notte, tuttavia, è cambiato tutto. Quando? In occasione dell’incontro di pugilato tra Anthony Joshua e Andy Ruiz. Famosissimo il primo e sconosciuto il secondo. Inglese contro statunitense di origini messicane. Ma soprattutto: bello e fisicato versus ciccia e abbondanza. A Joshua non è servito il «six pack». Ha vinto la tartaruga rovesciata di Ruiz. La foto riassuntiva dell’incontro fa...spanciare! Quindi, perché dimagrire? L’«idolo » con un passato difficile ha mostrato al mondo che l’apparenza non è tutto. Viva la sostanza e un filo de panza. Ergo, sfoggiate il vostro fisico senza paura, se qualcuno non dovesse apprezzare mostrate con fierezza il video dell’incontro al Madison Square Garden.

Godetevi la ricreazione e tutti pronti al suono della campanella. Al drin, drin, drin tutti in classe pronti a lavorare, imparare e crescere. Il calcio, ricordatelo sempre, è una scuola di vita, nel bene o nel male. Un consiglio? Non esagerate troppo in queste settimane. Il vostro preparatore vi presenterà il conto dei drink che avrete bevuto e durante i primi allenamenti rimpiangerete il vostro comportamento. Di gente che dopo le prime salite in montagna è sulle gambe o ha un rigurgito ce n’è a bizzeffe.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1