Zico: «Nella mia vita non avevo mai visto un termosifone»

Calcio

Il brasiliano, tra i più forti giocatori di tutti i tempi, ripercorre le tappe che hanno segnato la sua carriera in giro per il mondo - Dal Flamengo al Giappone, passando per il trasferimento clamoroso all’Udinese e l’amichevole contro il Lugano a Cornaredo

Zico: «Nella mia vita non avevo mai visto un termosifone»
Arthur Antunes Coimbra, presto 68 anni, a tutti noto come Zico ©Shutterstock

Zico: «Nella mia vita non avevo mai visto un termosifone»

Arthur Antunes Coimbra, presto 68 anni, a tutti noto come Zico ©Shutterstock

La prossima settimana, il 3 marzo, Arthur Antunes Coimbra, per tutto il mondo Zico, compirà 68 anni ma è ancora lontano da operazioni nostalgia legate ad un anniversario. È infatti direttore tecnico dei Kashima Antlers e parliamo con lui poco dopo il suo arrivo in Giappone, per l’inizio della stagione 2020 di quella J-League che da giocatore proprio dei Kashima Antlers, all’inizio degli anni Novanta, fece entrare nel cuore di una nazione.

L’amore per il Giappone

Invece di godersi a Rio De Janeiro la numerosa famiglia e i tanti soldi guadagnati in dieci paesi diversi, Zico continua a rimettersi in gioco: «A casa sto bene, ma in Giappone mi hanno sempre trattato benissimo ed io sono grato ai giapponesi di questo». I grandi amori nascono per caso: «Nel 1989 avevo lasciato il calcio e l’anno dopo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1