Colpo doppio per Lara: è leader della generale

Sci alpino

La ticinese vittoriosa nella prima discesa in Val di Fassa: «Ora devo cercare di ripetermi nelle prossime due gare»

Colpo doppio per Lara: è leader della generale
Lara Gut-Behrami guida ora le generale di Coppa con 29 punti di vantaggio sulla slovacca Petra Vlhova.

Colpo doppio per Lara: è leader della generale

Lara Gut-Behrami guida ora le generale di Coppa con 29 punti di vantaggio sulla slovacca Petra Vlhova.

Colpo doppio per Lara: è leader della generale

Colpo doppio per Lara: è leader della generale

Lara Gut-Behrami sembra vivere in una bolla di sapone. Una bolla che non ha alcuna intenzione di scoppiare. Tutto le riesce a meraviglia. Su piste tecniche e ricche di curve, ma anche quando si tratta di far valere la fluidità su tratti di puro scorrimento. La campionessa del mondo di superG e gigante ha colpito ancora. Stavolta in discesa, sulla pista di San Pellegrino, in Val di Fassa, dove si è recuperata la gara annullata a Garmisch. Trentunesimo successo in Coppa del mondo per Lara, che ha preceduto di 0’’2 l’austriaca Ramona Siebenhofer, mentre Corinne Suter (regina della disciplina ai Mondiali) si è dovuta accontentare del 3. posto a 0’’26 dalla vincitrice.

Quinto successo in stagione

Sulle nevi del Trentino colpo doppio per la ticinese, che ha raccolto il suo quinto successo stagionale in CdM dopo la serie dei quattro superG realizzata tra gennaio e febbraio. Un successo importante quello conquistato ieri (il decimo in carriera), anche perché le ha permesso di scavalcare di 29 punti Petra Vlhova nella Generale. La slovacca, che ieri ha diviso il 9. posto con Michelle Gisin (terza incomoda nell’assalto alla Coppa), al contrario di Lara non sta affrontando il suo periodo più felice. Dopo i Mondiali non all’altezza dei suoi obiettivi (due medaglie d’argento in slalom e in combinata), adesso dovrà far fronte alla nuova sfida che le ha lanciato la ticinese, più che mai determinata a proseguire la sua bella marcia verso le finali di Coppa a Lenzerheide. E lì, chissà, potrebbe davvero inseguire la sua seconda grande coppa di cristallo in carriera dopo quella vinta nel 2016.

La ticinese è motivatissima: «Mi sento in forma, tutto sta girando per il verso giusto. Spero di sciare altrettanto bene nei prossimi due giorni. Ho davanti a me ancora tanto lavoro. Gli scarti con la concorrenza sono minimi», ha detto Lara dopo la vittoria.

Un passo per volta

«Non corriamo - aveva avvertito Mauro Pini dopo il fantastico Mondiale di Lara a Cortina d’Ampezzo - . Meglio fare un passo per volta. Vediamo quello che succede, tenendo conto del fatto che di qui a Lenzerheide ci sono più gare tecniche di prove veloci».

Intanto, il lungo fine settimana in Val di Fassa potrebbe però consentire a Lara di allungare il suo vantaggio. Oggi e domani sono infatti in programma altre due gare veloci: una discesa e un superG, entrambe programmate alle 11.00. Sul fronte della libera, l’italiana Sofia Goggia, infortunatasi a Garmisch, prima dei Mondiali, e ormai costretta a vedere quello che succede nel circo bianco dalla sua Bergamo, sogna ancora di poter festeggiare a fine stagione la coppetta di velocità. Dopo la gara di ieri l’azzurra è sempre leader, ma, a due sole discese dalla conclusione, il suo vantaggio si è ridotto a 150 punti nei confronti di Corinne Suter e dell’americana Breezy Johnson. L’incertezza, insomma, regna sovrana. E ogni punto alla fine potrebbe contare per determinare chi sarà la nuova vincitrice nella pura velocità. Ricordiamo che in ogni gara 100 punti vengono assegnati alla prima, 80 alla seconda, 60 alla terza, 50 alla quarta e 45 alla quinta. Per quanto riguarda il superG, tutto sembra invece già definito. A Lara Gut-Behrami basta un punto domani per assicurarsi la coppetta che le spetta di diritto.

Gli uomini a Bansko

Oggi e domani a Bansko, in Bulgaria, ci saranno invece due giganti maschili (10.00/13.00). Per il nidvaldese Marco Odermatt e compagni si tratta di cercare il riscatto dopo la deludente avventura ai recenti Mondiali nella specialità. A Cortina il migliore dei nostri tra le porte larghe era stato Loïc Meillard (5.). Dunque fuori dal podio che aveva premiato il francese Mathieu Faivre davanti all’italiano Luca De Aliprandini e all’austriaco Marco Schwarz. Nella classifica di specialità il francese Alexis Pinturault (440), pure sfortunato nel gigante ai Mondiali, guida con 40 punti di vantaggio su Odermatt. Il croato Zubcic è terzo (368).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sport
  • 1
  • 1