hockey su ghiaccio

Flynn manda il Lugano in vacanza

Lo Zugo passa alla Resega per la seconda volta nei quarti dei playoff e vince la serie per 4-0

Flynn manda il Lugano in vacanza
(Foto Keystone=

Flynn manda il Lugano in vacanza

(Foto Keystone=

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

Flynn manda il Lugano in vacanza

LUGANO - La stagione del Lugano è già finita. I bianconeri sono stati sconfitti anche in gara-4: alla Cornèr Arena lo Zugo si è imposto per 5-4 al supplementare al termine di una serata lunghissima: poco dopo la mezzanotte a segnare il gol decisivo è stato Flynn nelle battute finali del secondo overtime. Ed ora in casa Lugano dovrà iniziare una profonda analisi.

Primo tempo

Dopo un inizio favorevole allo Zugo, il Lugano passa in vantaggio alla sua prima vera occasione grazie ad uno spunto di Hofmann: al 4’35’’ il suo tiro sorprende Stephan. Al 7’30’’ lo stesso Hofmann spara a lato da ottima posizione. I Tori reagiscono, si creano alcune buone opportunità, ma Merzlikins sembra in serata. E a 37 secondi dalla prima sirena Walker si ritrova sul bastone il disco del possibile raddoppio, ma non lo sfrutta a dovere.

Secondo tempo

Al 21’16’’ lo Zugo sfrutta una penalità fischiata a Walker ancora nel primo periodo: è Roe a fare secco Merzilikins con un gran tiro al volo. Il Lugano sembra accusare il colpo, ma pure in power-play ritrova il vantaggio: con Albrecht espulso al 27’28’’, a Lapierre servono solo dieci secondi per battere Stephan dallo slot. Lo stesso Lapierre poco più tardi si ritrova sulla panchina dei cattivi: lo Zugo, anche se tecnicamente la penalità era già scaduta, pareggia con una deviazione di Everberg su appoggio dell’onnipresente Roe. E 58 secondi dopo ecco il patatrac: al 31’11’’ Leuenberger porta per la prima volta in vantaggio lo Zugo. Sul finire di periodo il Lugano non sfrutta due penalità consecutive fischiate nei confronti di McIntyre e Alatalo.

Terzo tempo

Il Lugano supera bene 1’55’ di doppia superiorità numerica per le espulsioni di Ulmer e Chorney. Poco dopo sono i bianconeri a poter giocare in power-play: al 46’09’’ Fazzini colpisce in pieno l’asta. Il pareggio arriva al 47’58’’ grazie ad un tiro di Haapala, che nello stesso istante subisce una dura carica di Morant: il finlandese sanguina vistosamente, ma il giocatore dello Zugo non viene incredibilmente punito. Ma al 52’34’’ la Cornèr Arena esplode quando Loeffel infila il nuovo vantaggio grazie ad un tiro preciso e potente da posizione defilata. La gioia dura però solo 24 secondi, il tempo che impiega Albrecht a trovare la rete del nuovo pareggio. Il Lugano torna a spingere forte e al 57’23’’ può disporre di un power-play per l’espulsione di Alatalo, ma non la sfrutta. E in panchina al 59’33’’ in panchina ci finisce Albrecht.

Overtime

La prima vera occasione capita sul bastone di Hofmann al 64’, ma Stephan dice di no. È però lo Zugo a premere maggiormente. Al 73’37’’ Lo Zugo riceve due minuti per troppi uomini sul ghiaccio, ma il power-play bianconero non punge. Al 78’35’’ viene punito Lajunen per uno sgambetto. Si va allora al secondo supplementare. All’85’40’’ Lammer colpisce in pieno il palo. Al 92’26’’ lo Zugo viene punito per troppi uomini sul ghiaccio, ma sulla panchina dei cattivi al 93’21’’ ci finisce anche Bürgler. E al 95’33 la stagione del Lugano finisce: è una deviazione di Flynn a regalare il successo allo Zugo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Sport
  • 1