Chiesa: «Continueremo a lottare, non meritiamo un finale così»

le reazioni

Il capitano del Lugano parla della pesante sconfitta contro il Berna e dei playoff appesi a un filo

 Chiesa: «Continueremo a lottare, non meritiamo un finale così»
Alessandro Chiesa, a destra. © KEYSTONE / Davide Agosta

Chiesa: «Continueremo a lottare, non meritiamo un finale così»

Alessandro Chiesa, a destra. © KEYSTONE / Davide Agosta

C’è tanta, tantissima delusione nello spogliatoio bianconero. Non potrebbe essere altrimenti dopo la disfatta nello scontro diretto con il Berna, perso 6-0 dopo un inizio da incubo. Nel giro di 24 ore il Lugano ha forse compromesso la sua stagione. I playoff sono appesi a un filo e il destino non è più nelle mani di Chiesa e compagni. «Stasera abbiamo cominciato la partita nel peggiore dei modi, subendo subito tre reti. Abbiamo cercato la reazione, poi nel terzo tempo ci siamo sbilanciati, venendo colpiti in contropiede».

Non è passata inosservata la fragilità mentale con cui il Lugano ha iniziato questa partita potenzialmente decisiva. I bianconeri sono apparsi nervosi, schiacciati dall’importanza del match. Quasi impauriti. «Paura no», afferma Chiesa. «Ci è sicuramente mancata la lucidità. Sulle prime tre reti bernesi abbiamo commesso degli errori ai quali da gennaio in poi non eravamo più abituati. Errori difensivi che non sono da noi. Un esempio? Ci sono stati dei raddoppi che non sono assolutamente previsti dal nostro sistema. Dovremo discuterne tra di noi in settimana, dirci quello che dobbiamo dirci, guardarci tutti allo specchio e migliorare in vista del prossimo weekend contro Rapperswil e Ambrì Piotta».

Il Lugano è dunque ripartito dal disastroso terzo tempo della sera precedente a Friburgo, a sua volta costato tre punti in una gara vitale: «Quella della BCF Arena è stata un’altra storia», prosegue il capitano. «In casa nostra, davanti al nostro pubblico, avremmo dovuto avere un approccio completamente diverso. Soprattutto considerando la posta in palio. Non siamo stati all’altezza, abbiamo completamente sbagliato l’inizio, siamo stati puniti dalla foga di voler fare troppo. Il Berna ha capitalizzato ogni nostro errore prendendo il largo. In seguito abbiamo creato di più, rialzando la testa, ma non è stato abbastanza. È una sconfitta che fa male, ma vi prometto che lotteremo fino alla fine. Questo gruppo non mollerà. In dicembre nessuno credeva in noi, ma siamo arrivati a giocarci tutto nelle ultime partite. Ci proveremo ancora. Questo pesante 0-6 non va ad intaccare quanto di buono abbiamo creato in questi ultimi due mesi. Ognuno di noi si è battuto con grande impegno per cambiare l’esito della nostra stagione. Abbiamo intrapreso un percorso importante e non meritiamo un finale così. Non lo meritiamo noi e non lo meritano i nostri tifosi. Ora c’è sconforto, delusione, ma abbiamo abbastanza carattere per uscirne, anche se il destino non è più tutto nelle nostre mani».

Già, conquistare sei punti nelle ultime due gare potrebbe non bastare al Lugano. «Non dobbiamo aspettarci nessun regalo», conclude Alessandro. «Dobbiamo concentrarci sul momento, su ciò che possiamo fare, sapendo che qualcuna delle nostre concorrenti perderà dei punti negli scontri diretti che ancora restano».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1