È il 23 ottobre 2020. Un venerdì. Il giorno in cui Matt D’Agostini festeggia il suo 34. compleanno. Lo fa scendendo sul ghiaccio in trasferta, a Losanna, dove il suo Ambrì Piotta viene sconfitto per 3-2. Il canadese firma un assist sul secondo gol dei leventinesi. Un piccolo regalo personale, in una serata altrimenti amara. Ma qualcosa non va. Il ginocchio sinistro dello sniper biancoblù è dolorante e non gli permette di esprimersi come vorrebbe. Due giorni dopo, a Rapperswil, la squadra di Luca Cereda si riscatta superando i sangallesi all’overtime, passando così il turno di Coppa Svizzera. Matt D’Agostini è di nuovo in pista, ma questa volta è palese che qualcosa lo tormenta. «Quel match rappresentò per me il punto di non ritorno - ci racconta il diretto interessato, a quasi un anno di distanza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Hockey
  • 1