Il Lugano affonda all’Hallenstadion

hockey

Al termine di una prestazione sconcertante, i bianconeri sono stati battuti per 7-2 a Zurigo dai Lions

Il Lugano affonda all’Hallenstadion
© KEYSTONE/Ennio Leanza

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

© KEYSTONE/Ennio Leanza

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

Il Lugano affonda all’Hallenstadion

No, la pausa non ha fatto bene al Lugano. Al termine di una prestazione sconcertante, i bianconeri sono stati battuti per 7-2 a Zurigo dai Lions. Complici una marea di errori e decisioni incomprensibili di coach Sami Kapanen, il risultato a favore dei padroni di casa non è mai stato messo in discussione. Il tecnico finlandese nel momento topico della sfida – Lugano in cinque contro tre per 1’23’’ non ha schierato lo specialista Paul Postma. E mentre la sua squadra affondava non ha ritenuto opportuno chiamare il time-out.

Primo tempo

Dopo una buona partenza del Lugano, gli ZSC Lions passano al 4’39’’ al primo tiro in porta. Sannitz sbaglia l’appoggio in uscita dal terzo di difesa, Berni serve Bodenmann che fa secco Müller. All’11’12’’ in superiorità numerica Blindenbacher trova il raddoppio con un tiro-appoggio non irresistibile dalla linea blu. Il Lugano accorcia al 15’59’’ grazie a Lammer, ma poi non sfrutta 1’23’’ di doppia superiorità numerica.

Secondo tempo

Ancora una volta lo Zurigo colpisce subito: Riva scivola a metà pista, provocando un due contro uno. Krüger non perdona al 21’37’’. E al 30’12’’ arriva anche il quarto gol: Riva stavolta perde malamente il disco, Suter serve Roe e il topscorer del campionato non perdona. Non è finita: stavolta a sbagliare e Lajunen e al 31’37’’ Bodenmann fa 5-1. Il Lugano, in balia dello Zurigo, non c’è più.

Terzo tempo

Il Lugano non c’è più e lo Zurigo fa quello czhe vuole. Al 46’06’’, con Vauclair espulso, è Chris Baltisberger a dare il sesto dispiacere al povero Müller. E al 48’35’’ Bodenmann approfitta delle ampie praterie concesse dalla difesa bianconera per andare a realizzare la sua personale tripletta. Gli ultimi minuti sono di pura accademia: i Lions tolgono il piede dall’acceleratore e gestiscono. Del 7-2 di Fazzini se ne accorgono in pochi...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1