HOCKEY

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

Bianconeri battuti all’esordio dal Losanna: alla Cornèr Arena finisce 2-5 - LE FOTO

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>
Foto Keystone

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

Foto Keystone

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

<b>Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio</b>

Il Lugano di Kapanen cede dopo un buon inizio

Già lo si sapeva: c’è ancora tanto lavoro da fare per Sami Kapanen e il suo Lugano. La conferma è arrivata allá prima di campionato, persa 2-5 contro l’ambizioso Losanna. Davanti agli oltre 6.000 spettatori della Cornèr Arena i bianconeri partono decisamente bene, chiudendo avanti 2-0 un primo tempo giocato con disciplina e aggressività. Poi, pian piano, la squadra di casa perde compattezza difensiva, permettendo ai vodesi di ribaltare la situazione già nel periodo centrale. Tardiva e inconcludente la reazione nella terza frazione, con gli ospiti ormai avanti 4-2. Da segnalare l’assenza di Klasen, lasciato in tribuna. Di seguito la cronaca del match.

Primo tempo

La partita inizia con 10 minuti di ritardo (arbitri bloccati nel traffico), ma il Lugano non perde tempo, passando in vantaggio con Bertaggia già all’1’55’’. I bianconeri sono aggressivi e ordinati, superano una prima inferiorità numerica al 12’, sprecano un primo power-play al 16’, ma infine raddoppiano. Ci pensa Jörg al 18’33’’, favorito dal gran lavoro di Zangger e dalla distrazione di Frick.

Secondo tempo

La squadra di Kapanen riparte con vivacità in attacco, ma inizia a concedere troppo spazio davanti alla sua porta. Ne approfitta Bertschy, che accorcia le distanze al 24’15’’. Il Lugano risponde con un palo di Ohtamaa e un’occasionissima in power-play sprecata da Lammer. Dietro, però, i bianconeri si scompongono e i vodesi ribaltano la situazione nel giro di 69 secondi con le reti nello slot di Jooris (32’57’’) e Leone (34’06’’). La reazione dei padroni di casa sbatte su Tobias Stephan.

Terzo tempo

Dopo aver superato un’inferiorità numerica, al 44’52’’ il Lugano incassa anche il 2-4 di Bertschy, che si beve tutti gli avversari realizzando la sua doppietta personale. La reazione dei padroni di casa tarda ad arrivare ed è affidata a qualche iniziativa personale. Al 54’ ci prova Suri, atterrato al momento di concludere. Per gli arbitri è tutto regolare. In un finale nervoso, i bianconeri si trovano a giocare in 4 contro 3: Kapanen toglie anche il portiere, ma non basta. A chiudere i conti nella gabbia sguarnita, al 57’25’’, è Jeffrey.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Hockey
  • 1