Il Lugano non ha imparato la lezione

Hockey

Il Bienne si impone nettamente alla Cornèr Arena: finisce 2-6 con tripletta dell’ex biancoblù Hofer

 Il Lugano non ha imparato la lezione
©KEYSTONE/Ti-Press/Alessandro Crinari

Il Lugano non ha imparato la lezione

©KEYSTONE/Ti-Press/Alessandro Crinari

Il Lugano non ha imparato la lezione. Dopo essersi vendicati con il Ginevra, rispondendo con un bel 7-2 al disastroso 2-6 della sera prima, i bianconeri hanno di nuovo sbagliato attitudine, venendo giustamente puniti dal Bienne. Anche questa volta è finita 2-6, con tripletta dell’ex biancoblù Hofer. Confusa con il disco, difensivamente passiva, mai combattiva, la squadra di Serge Pelletier si è fatta scivolare addosso la partita già nel primo tempo, chiuso sotto per 1-3 nonostante il fortunoso vantaggio di Wellinger.

Primo tempo

Dopo 55 secondi, Sannitz colpisce il palo con la porta spalancata. Al 2’ Bürgler spreca una buona occasione nello slot. Al 5’ il linesman Duarte viene colpito da una discata e abbandona la partita. Dopo l’interruzione, al 5’12’’ il Lugano passa in vantaggio con Wellinger: il suo appoggio da dietro la porta viene indirizzato in rete dal portiere ospite. È l’ultimo acuto dei bianconeri, che iniziano a pasticciare e a concedere larghi spazi al Bienne. Al 6’53’’ Hofer trova l’1-1 nello slot. All’11’57’’ ecco l’1-2 di Kessler, sotto gli occhi di Romanenghi e Antonietti. Al 17’15’’ la maggior velocità dei seeländer porta all’1-3 di Hofer.

Secondo tempo

Nei primi cambi il Lugano sembra dare segni di risveglio, ma attorno al 25’ il Bienne dà vita a una lunga fase di pressione. Al 28’07’’ arriva la prima penalità dell’incontro, sul conto di Fey: il power-play bianconero non ne approfitta. Al 33’, Brunner parte in contropiede, perdendo il duello con Zurkirchen. Per i padroni di casa inizia l’ennesima fase di confusione e difficoltà. Al 36’11’’ Sannitz e Künzle vengono espulsi per reciproche scorrettezze Al 38’31’’ Komarek firma indisturbato l’1-4 raccogliendo un rimbalzo sulla balaustra di fondo. La frazione si chiude con Arcobello penalizzato.

Terzo tempo

Al 41’06’’, subito dopo il rientro di Arcobello, è Chiesa ad accomodarsi sulla panchina dei cattivi per una carica alla balaustra che gli costa 2’+10’. Al 43’20’’ è il Lugano a poter giocare con l’uomo in più: il power-play impiega tanto a installarsi, ma al 45’05’’ Bürgler trova il 2-4 con un bel tiro al volo. Al 47’06’’ viene penalizzato Boedker, tra l’incredulità della panchina bianconera. Con l’uomo in più, il Bienne non punge. Al 57’32’’ Pelletier richiama Zurkirchen, ma il Lugano perde subito il disco e Pouliot insacca il 2-5 a porta vuota al 57’43’’. Appena 14’’ dopo Hofer firma la tripletta per il 2-6.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1