Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta

hockey su ghiaccio

Sotto per 2-0 dopo due tempi, i bianconeri si impongono alla Cornèr Arena per 4-2 - Daniel Carr sul piede di partenza?

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta
©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta

©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta
©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta

©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta
©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta

©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta
©KEYSTONE / Alessandro Crinari

Il Lugano si aggiudica il derby in rimonta

©KEYSTONE / Alessandro Crinari

È del Lugano il secondo derby stagionale. Alla Cornèr Arena i bianconeri si sono imposti per 4-2, facendo la differenza nel terzo periodo. Dopo due tempi infatti l’Ambrì Piotta si trovava in vantaggio per 2-0.

Primo tempo

È l’Ambrì Piotta a fare il gioco nei primi minuti del derby, senza però riuscire a crearsi grandissime occasioni. Il Lugano soffre il forechecking biancoblù e fatica ad uscire in maniera pulita dal proprio terzo di difesa. Alla prima vera puntata offensiva, però, Carr colpisce in pieno il palo all’8’05’’. Al 12’43’’ l’Ambrì Piotta si ritrova in superiorità numerica per una trattenuta di Heed ai danni di Zwerger: il box-play bianconero ha la meglio. I leventinesi sfiorano il vantaggio al 16’ con Flynn, ma Schlegel in qualche modo si salva. A sei secondi dalla fine del periodo i leventinesi non sfruttano un invitante due contro uno: il tiro di Flynn non sorprende Schlegel.

Secondo tempo

La prima occasione del periodo centrale è del Lugano: al 22’50’’ Ciaccio non si fa sorprendere da una deviazione di Kurashev. L’Ambrì Piotta risponde al 26’ con Novotny, vicinissimo al gol del vantaggio biancoblù. La rete che lancia il derby è rimandata di poco: al 26’54’’ realizza Diego Kostner con un tiro preciso dalla media distanza. Subito dopo Flynn riceve due minuti di penalità, ma in superiorità numerica il Lugano non punge. Al 31’17’’ è Arcobello ad uscire per due minuti: Zwerger trova il raddoppio per l’Ambrì Piotta con un tiro forte e preciso. Serge Pelletier prova a dare la scossa unendo nella stessa linea Boedker, Arcobello e Carr. Il Lugano spinge, ma Ciaccio sembra intrattabile. Al 39’50’’ gli arbitri annullano una rete al Lugano pensando erroneamente che Ciaccio avesse il controllo del disco. Un errore piuttosto clamoroso da parte dei direttori di gara.

Terzo tempo

Il Lugano trova subito la rete che lo riporta in partita: a trovarlo è Wolf al 42’38’’ con un gran tiro nel sette della porta di Ciaccio. I bianconeri esercitano una pressione asfissiante sulla difesa dell’Ambrì Piotta. Al 46’43’’ Hächler riceve 2 + 10’ per un fallo su Riva: il Lugano trova la rete del pareggio con Morini al 48’22’’. E non è finita qui, perché al 51’09’’ i bianconeri passano in vantaggio grazie ad una rete di Suri dopo una bella azione personale di Heed. Al 58’37’’ Flynn riceve due minuti di penalità e al 58’48’’ Ciaccio lascia sguarnita la sua porta: Carr chiude i conti al 59’09’’.

Daniel Carr sul piede di partenza?

Con un tweet il giornalista di TeleTicino Patrick Della Valleha ipotizzato che quella di questa sera potrebbe essere stata l’ultima partita con il Lugano di Daniel Carr. Con il finlandese Lajunen pronto al rientro, la società bianconera non può economicamente permettersi cinque stranieri. Sentito dai colleghi della redazione sportiva della RSI, il ds Hnat Domenichelli ha confermato la notizia, specificando che l’attaccante canadese, di proprietà dei Washington Capitals in NHL, si trova molto bene a Lugano e che sarebbe disposto a restare sulle rive del Ceresio a costo zero. Insomma, affaire à suivre.

IL TABELLINO

Lugano – Ambri Piotta 4-2 (0-0, 0-2, 4-0)

Reti: 26’54’’ Kostner (Grassi) 0-1. 32’34’’ Zwerger (Hächler, in 4-5, esp. Arcobello) 0-2. 42’38’’ Wolf (Kurashev) 1-2. 48’22’’ Morini (in 5c4, esp. Hächler) 2-2. 51’09’’ Suri (Heed) 3-2. 59’10’’ Carr ( esp. Flynn, a porta vuota) 4-2.

Spettatori: 30. Arbitri: Wiegand/Hungerbühler (Obgeweser/Burgy). Penalità: 2x2’ c. Lugano; 4x2’ + 1x10’ (Hächler) c Ambrì.

Lugano: Schlegel; Heed, Riva; Boedker, Arcobello, Fazzini; Loeffel, Wellinger; Bürgler, Kurashev, Carr; Nodari, Chiesa; Traber, Herburger, Suri; Romanenghi, Wolf; Walker, Morini, Bertaggia.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Ngoy; Nättinen, Novotny, Zwerger; Hächler, Fischer; Rohrbach, Flynn, Kneubühler; Fohrler, Pezzullo; Trisconi, Kostner, Grassi; Pinana; Dal Pian, Goi, Mazzolini; J. Neuenschwander.

Note: Lugano senza Lammer, Lajunen, Zurkirchen e Sannitz (tutti infortunati); Ambrì privo di Z. Dotti (squalificato), I. Dotti, Müller, Bianchi, D’Agostini, Incir (tutti infortunati) e Conz. Dal 58’48’’ al 59’10’’ Ambrì senza portiere.

I risultati di sabato: Lugano - Ambri-Piotta 4-2. Berna - SCL Tigers 1-2. Davos - Ginevra 2-5. Zugo - Rapperswil 4-3. Friburgo – Bienne 3-1.

Classifica: 1. Losanna 10/22. 2. Zugo 10/22. 3. Friburgo 10/20. 4. Ginevra 8/18. 5. ZSC Lions 11/18. 6. Lugano 8/15. 7. Rapperswil 10/14. 8. Ambrì Piotta 12/11. 9. Berna 11/10. 10. Bienne 9/9. 11. SCL Tigers 9/8. 12. Davos 8/7.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1