Il mantra di Cereda: «Sono i frutti del lavoro»

Hockey

Il coach dell’Ambrì Piotta torna sulla partita di Davos - Alla Valascia arriva il Losanna

Il mantra di Cereda: «Sono i frutti del lavoro»
Anche Daniel Manzato ha dovuto alzare bandiera bianca. ©KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

Il mantra di Cereda: «Sono i frutti del lavoro»

Anche Daniel Manzato ha dovuto alzare bandiera bianca. ©KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

Dieci assenti, tra infortunati e ammalati, ai quali durante la partita si aggiungono le defezioni di Giacomo Dal Pian e di Daniel Manzato. Una cosa mai vista, o quasi. Eppure l’Ambrì Piotta che combina? Riesce a tornare da Davos con un punto che – per come si è sviluppata la sfida – avrebbero potuto anche essere due o tre. «Il minimo che si possa dire – afferma il tecnico biancoblù Luca Cereda – è che non si tratta di certo di una situazione ideale. Adesso ci si è messa anche l’influenza: speriamo che tutto passi in fretta. Ma come sempre in questi casi noi preferiamo trovare soluzioni, senza piangere sui nostri problemi».

«Né maghi né guru»

Ancora una volta, nei Grigioni Cereda ha dovuto inventarsi luna nuova squadra: «Sì, la cosa più compicata è non sapere fino all’ultimo su chi potremo contare....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1