Il rumore dei pali e dei rimpianti

Hockey

Lugano battuto a Langnau - Luca Fazzini: «Sentivo che avremmo potuto segnare ad ogni cambio, e invece ...»

Il rumore dei pali e dei rimpianti
L’amarezza dei bianconeri, battuti di misura a Langnau. © Keystone/Marcel Bieri

Il rumore dei pali e dei rimpianti

L’amarezza dei bianconeri, battuti di misura a Langnau. © Keystone/Marcel Bieri

Il rumore dei pali e dei rimpianti
Jecker e Fazzini. © Keystone/Marcel Bieri

Il rumore dei pali e dei rimpianti

Jecker e Fazzini. © Keystone/Marcel Bieri

Il rumore dei pali e dei rimpianti

Il rumore dei pali e dei rimpianti

A fine partita, nel freddo cuore di cemento della Ilfishalle, i giocatori bianconeri si mettono in fila per le cyclette. Nell’attesa, Chiesa e compagni discutono tra di loro, rivivendo gli episodi della gara. Le facce dicono tutto. C’è delusione e incredulità. Della serie: «Come cavolo abbiamo fatto a perdere anche questa?».

Già, come ha fatto il Lugano a perdere ancora, spezzando sul nascere la positività accumulata a Friburgo? Le ragioni, in ordine sparso: una partenza a rilento, tanta sfortuna (cinque pali, forse ce n’è sfuggito un sesto), stranieri incapaci di fare la differenza e un power-play deprimente. Mentre Pesonen e compagni, con l’uomo in più, decidono la sfida al 53’, il Lugano spreca 2 minuti filati in 5 contro 3 per pareggiare in extremis. Nelle orecchie resta il rumore del disco...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 2
  • 3

    Arcobello: «Focalizzati sul 18 settembre»

    Hockey

    L’avvio del campionato resta avvolto nell’incertezza ma il nuovo straniero del Lugano cerca di restare fiducioso: «Noi dobbiamo farci trovare pronti, qualsiasi decisione verrà presa»

  • 4

    In 300 per la ripartenza bianconera

    Hockey

    Primo allenamento sul ghiaccio della Cornèr Arena per il Lugano - Il club aveva aperto la pista a un migliaio di tifosi, se ne sono presentati meno della metà - Intanto il Losanna rinvia il suo raduno - FOTO

  • 5
  • 1
  • 1