Kozun si è già preso l’Ambrì: «Dicevano che ero piccolo, così ho forgiato il carattere»

Hockey

Intervista al nuovo attaccante nordamericano dei biancoblù, autore di tre reti nelle prime due partite

Kozun si è già preso l’Ambrì: «Dicevano che ero piccolo, così ho forgiato il carattere»
© Keystone/Samuel Golay

Kozun si è già preso l’Ambrì: «Dicevano che ero piccolo, così ho forgiato il carattere»

© Keystone/Samuel Golay

Un gol all’overtime nel debutto stagionale di venerdì a Zurigo, una doppietta sabato nel grande giorno della nuova pista. Brandon Kozun, attaccante dalla doppia cittadinanza canadese e statunitense, è già l’uomo-copertina del nuovo Ambrì Piotta. Lo abbiamo incontrato in vista della trasferta di Langnau, in programma questa sera.

Brandon Kozun si presenta a torso nudo. Nato e cresciuto a Los Angeles, è così che ce lo immaginiamo da bambino: in costume da bagno su una spiaggia californiana, sognando di cavalcare le onde. Invece no. A soli tre anni, seguendo l’esempio dei due fratelli maggiori – e facendo a pezzi il nostro stupido cliché –, Brandon venne attratto da ghiaccio, pattini e bastoni. «Non è così strano in una famiglia come la mia», ci racconta il nuovo topscorer dei leventinesi. «Mia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1