L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

HOCKEY

Leventinesi sconfitti di misura (3-4) all'esordio contro i Tori - Dopo una rimonta biancoblù, Hofmann decide la sfida - LE FOTO

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>
Foto Keystone

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

Foto Keystone

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

<b>L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo</b>

L'Ambrì ci mette il cuore, ma vince lo Zugo

L'Ambrì tiene testa ai Tori, nella prima di campionato, ma a festeggiare è la corazzata Zugo, che si impone per 4-3 alla Valascia.

La partita inizia subito in salita per i biancoblù. Dopo poco più di un minuto, lo Zugo è già in vantaggio. Manzato, preferito a Hrachovina per il debutto in campionato, si fa sorprendere dalla distanza da un tiro di Morant. La reazione biancoblù, nel primo periodo, è tutta in una serpentina di Sabolic, neutralizzata senza problemi dalla difesa dei Tori. Dal canto loro, gli svizzerocentrali premono, e parecchio. Logico, al 11', il raddoppio: un tiro di Zryd viene deviato nello slot ed è 2 a 0. Al 16' Hofmann in power-play sfiora il tris, ma stavolta l'Ambrì si salva.

I biancoblù ad ogni modo non si arrendono. Superata indenne una seconda inferiorità, provano a spingere con la linea di Kostner. L'attaccante italiano conquista un power-play, sui cui sviluppi al 27' l'Ambrì trova la prima rete stagionale. Con Kovar appena rientrato, Müller e Bianchi preparano e D'Agostini, al posto giusto e al momento giusto, insacca. I biancoblù, spinti da un tifo riaccesosi di botto, ci credono ed alzano il ritmo. Per un attimo lo Zugo non ci capisce più niente. Poi però un po' dal nulla Senteler azzecca un gran polsino in rotazione e al 33' riporta avanti i Tori di due lunghezze. I leventinesi hanno quindi un nuovo power-play: il disco si muove bene e Fora sfiora il 2-3 con una staffilata dalla blu. L'appuntamento è solo rimandato. A 37'' dalla seconda pausa Genoni non trattiene un tiro e Trisconi, lucido, ne approfitta.

E in entrata di terzo tempo l'Ambrì perfeziona addirittura l'aggancio, con una fuga in velocità di Kostner perfettamente finalizzata. Lo Zugo a quel punto va in affanno tanto da chiamare il time out al 44'. Poi però Flynn commette un fallo evitabile (probabilmente di reazione) a metà pista e al 48' i Tori si riportano avanti con una staffilata di Hofmann (Manzato di nuovo non esente da colpe). L'Ambrì comunque non si dà per vinto e ci prova, con Fora, Flynn e soprattutto Hofer al 54' (tiro a lato di poco). Al 58'42'' Cereda chiama il time out e lancia l'assalto finale, ma non basta. L'Ambrì esce comunque tra i convinti applausi degli oltre 5600 presenti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Flavio Maddalena
Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1