hockey su ghiaccio

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

I biancoblù battono il Bienne 2-1 grazie a una rete di Fora e tengono in vita la serie

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno
(Foto Putzu)

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

(Foto Putzu)

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno
(Foto Putzu)

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

(Foto Putzu)

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

L’Ambrì non si sveglia dal suo grande sogno

AMBRÌ – Eccola la prima vittoria leventinese nei playoff dal lontano 2006. Ed eccolo il tanto atteso primo successo stagionale contro il Bienne. Dopo sette sconfitte incassate dai seeländer, l’Ambrì Piotta spezza finalmente la maledizione grazie a un gol di Michael Fora, che fa esplodere la Valascia a sette minuti dalla terza sirena. Una rete che tiene viva la stagione dei “Cereda Boys”, ora sotto 3-1 in questo quarto di finale ancora tutto da gustare. Martedì sera i biancoblù torneranno alla Tissot Arena per continuare a sognare. Se le gambe continueranno a girare, nulla è impossibile per una squadra di carattere, capace di soffrire e di mettere in difficoltà un avversario tecnicamente superiore.

A passare in vantaggio erano stati i seeländer all’8’14’’, ma ancora nel primo tempo era arrivato il pareggio di Zwerger in superiorità numerica. Proprio in power-play (due su due per i padroni di casa con l’uomo in più) è poi arrivato il già citato 2-1 di Michael Fora. Di seguito la cronaca della partita, tempo per tempo.

Primo tempo

L’Ambrì Piotta parte bene in attacco ma non nella sua zona di difesa, dove il Bienne trascorre troppo tempo. Al 7’43’’ Kubalik viene penalizzato per un fallo comunque provvidenziale, in situazione di pericolo. Con l’uomo in meno D’Agostini finisce disteso sul ghiaccio dalle parti di Hiller, ma per gli arbitri non c’è fallo: il Bienne parte in contropiede e passa in vantaggio con Riat all’8’14’’. Il pubblico della Valascia la prende malissimo e in pista vola di tutto, persino – brutto episodio – un seggiolino rosso piovuto dalle tribune. Intanto, dalle immagini mostrate sul maxischermo, sembra che D’Agostini scivoli da solo. All’11’18’’ è Kostner ad accomodarsi sulla panchina dei cattivi, ma nonostante l’inferiorità numerica Trisconi sfiora la rete in break. Il pareggio è nell’aria e arriva al 16’53’’ grazie a Zwerger, che capitalizza il primo power-play biancoblù con un gran tiro dalla media distanza. Al 18’48’’ D’Agostini spreca una ghiotta opportunità, dopo una bella triangolazione con Novotny e Hofer.

Secondo tempo

I leventinesi iniziano di nuovo con qualche sbavatura di troppo nel loro terzo e per poco Künzle non ne approfitta al 24’05’’. Poco dopo Zwerger commette fallo su Hiller, ma il power-play ospite non ne approfitta. Scampato il pericolo, i biancoblù guadagnano metri preziosi di ghiaccio, tornando a mettere dischi sulla porta. Al 30’05’’ l’occasione buona capita a Kubalik, ma il suo tiro è deviato dal guantone di Hiller. La pressione dei padroni di casa non cessa, ma al 32’55’’, in 4 contro 4, Riat fa tremare il palo alla sinistra di Conz. Al 34’08’’ viene penalizzato Plastino e il power-play ospite genera più di un pericolo, ma i padroni di casa la scampano. Al 39’20’’ è Kostner a lasciare i compagni con l’uomo in meno per ritardo di gioco.

Terzo tempo

Il Bienne riparte con l’uomo in più, ma dopo 40 secondi di gioco è D’Agostini a fallire un’opportunità incredibile in shorthand: presentatosi tutto solo davanti a Hiller, il canadese gli tira addosso. Al 46’43’’ lo stesso D’Agostini viene espulso per un bastone alto in attacco, ma il box-play leventinese continua a dettar legge. Al 51’25’’ Fora ha tutto il tempo per caricare un gran tiro dalla blu, ma il disco si stampa sulla traversa. Al 52’40’’ l’Ambrì Piotta ha finalmente a disposizione il secondo power-play della serata: passano appena 19 secondi e proprio Fora fa esplodere la pista con il tiro che vale il 2-1. Nel finale Törmänen toglie il portiere, ma il risultato non cambia. Si torna alla Tissot Arena.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1