L’Ambrì paga un inizio da incubo

Hockey

Leventinesi battuti 4-2 a Friburgo, subendo tre reti nei primi 12 minuti – Inutile la doppietta di Matt D’Agostini

 L’Ambrì paga un inizio da incubo
©Keystone/Peter Klaunzer

L’Ambrì paga un inizio da incubo

©Keystone/Peter Klaunzer

Dopo la pausa l’Ambrì riparte con una sconfitta per 4-2 a Friburgo. Ai biancoblù sono fatali i primi 12 minuti del match, disastrosi sul piano della concentrazione e dell’intensità fisica. Il Gottéron ha approfittato degli spazi concessi per segnare tre volte e sfiorare pure il poker. Una doppietta di D’Agostini ha riportato sotto i leventinesi, ma il risultato finale (abbellito dalla rete a porta vuota di Rossi) premia la squadra più intraprendente e meritevole.

Primo tempo

Per l’Ambrì si mette subito male, complice un fallo di Dotti all’1’15’’. Il Friburgo approfitta della superiorità numerica per passare in vantaggio al 2’10’’ con Rossi, libero di colpire dopo un disimpegno mancato da Jelovac. I padroni di casa hanno vita facile e al 6’33’’ raddoppiano con Brodin. All’origine vi è un alleggerimento sbagliato da Dotti. All’11’44’’ ecco il 3-0 di Desharnais: di nuovo spalancata la difesa ospite, con Flynn e Hofer fuori posizione. Nei 2 minuti seguenti, con D’Agostini espulso, i Dragoni sfiorano il poker. Allo scadere della penalità, Upshall serve lo stesso D’Agostini che in break firma il 3-1 al 14’01’’.

Secondo tempo

Anche il periodo centrale si apre con un fallo di Dotti, ma stavolta l’Ambrì Piotta si salva, sprecando pure un break con il maldestro Flynn. Al 26’46’’ i biancoblù accorciano ulteriormente le distanze: è ancora D’Agostini a sorprendere i padroni di casa e a firmare il 2-3 in contropiede, su ottimo lancio di Müller. Al 27’51’’ Fischer mette nei guai i leventinesi con una doppia penalità minore, ma il power-play burgundo non colpisce. Bravo Conz, che al 31’ deve pure farsi prestare il casco da Manzato. Al 33’27’’ il debuttante Upshall va vicino al pareggio in break, mentre al 33’41’’ Jelovac colpisce l’asta.

Terzo tempo

Al 44’’ Jelovac e Mottet vengono alle mani dopo un intervento in due tempi di Conz. Nelle fasi successive il Friburgo si crea due nitide occasioni per allungare, ma pecca di concretezza. Al 46’47’’ l’Ambrì può finalmente giocare in power-play, ma il risultato non cambia. Al 49’27’’ una scaramuccia tra Dotti e Brodin costa ad entrambi 10 minuti di penalità disciplinare. Poco dopo, al 49’55’’, altra superiorità numerica per gli ospiti. Sciupata pure questa, con tanto di fallo di Zwerger al 51’54’’. Al 58’08’’ Cereda chiama il time-out, per poi togliere Conz al 58’20’’. Al 59’22’’ Rossi chiude i conti a porta vuota.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1