Hockey

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

Prestazione sottotono dei leventinesi, battuti dal Friburgo – Per i biancoblù è un weekend da zero punti

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

 L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa <b></b>

L’Ambrì Piotta scivola sul ghiaccio di casa

AMBRÌ – Weekend da zero punti per l’Ambrì Piotta. Dopo la sconfitta di ieri a Bienne, giunta dopo una prova comunque generosa, i biancoblù hanno invece deluso contro il Friburgo, uscendo sconfitti per 2 a 5. Si tratta del primo k.o. alla Valascia dopo cinque successi filati. La squadra di Luca Cereda non ha mai saputo trovare il giusto ritmo e la necessaria intensità contro un Gottéron ben messo in pista. La classifica, sempre cortissima, si è così fatta meno esaltante per i leventinesi, ora ottavi con due soli punti di margine sul nono posto, occupato dagli stessi burgundi. Ma il terzo rango è ad appena 4 lunghezze.

Dopo 1’46’’ Miller trafigge Conz sfruttando l’immobilismo della difesa leventinese. La risposta dei padroni di casa non si fa attendere: al 2’56’’, con Weisskopf espulso, arriva infatti il pareggio di Guerra. Le penalità si susseguono (altre due per parte), a discapito del ritmo e delle emozioni. Il primo tempo si trascina così stancamente fino alla sirena. Nel periodo centrale l’Ambrì Piotta non riesce ad accendersi per davvero. Il Gottéron, dal canto suo, non fa nulla di eccezionale, ma al 26’31’’ torna in vantaggio grazie a Bertrand, che raccoglie un rimbalzo concesso da Conz su tiro di Mottet. I biancoblù sprecano subito un power-play, poi centrano il palo con Ngoy al 35’12’’. A cavallo tra secondo e terzo tempo, la squadra di Cereda fallisce di nuovo in superiorità numerica. Al 43’40’’ l’occasione buona capita a Kubalik, ma Waeber è attento sulla conclusione ravvicinata del topscorer ceco. Gol sbagliato, gol subito: al 46’14’’ Miller firma la doppietta personale, portando i burgundi sul 3-1. Al 48’ un’accelerazione di Hofer semina il panico nel terzo degli ospiti, ma Waeber è ancora decisivo. Anche in questo caso gli sprechi leventinesi vengono subito puniti: al 49’04’’ è infatti Rossi ad allungare con la quarta rete dei Dragoni in contropiede. Cereda chiama il time-out. La sveglia sembra tardare, ma al 52’27’’, complice un intervento difettoso di Waeber, Bianchi trova il 2-4. Al 57’ il coach biancoblù tenta il tutto per tutto togliendo il portiere. A porta vuota arriva così il 5-2 di Marchon.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 2
    HC Lugano

    La prima decisione: addio a Ireland

    Due giorni dopo l’eliminazione dai playoff il club bianconero si è separato dal tecnico e da Jussi Silander
    In attesa del nome del nuovo coach le analisi della stagione proseguono: si attendono altri segnali forti

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1