La passione di Chris: «Ci metterò il cuore e l’anima»

Hockey

Primo giorno da allenatore del Lugano per McSorley: «Sono onorato di essere qui» – Nessun malinteso sul suo ruolo: «A Ginevra ho dovuto fare di tutto per una questione di budget»

La passione di Chris: «Ci metterò il cuore e l’anima»
© CdT/Gabriele Putzu

La passione di Chris: «Ci metterò il cuore e l’anima»

© CdT/Gabriele Putzu

Elegante, accompagnato da moglie e figlio, e anche un po’ emozionato. È cominciata così, in una tiepida mattinata di inizio maggio, l’avventura bianconera di Chris McSorley. Dal giardino di Villa Sassa il nuovo tecnico del Lugano guarda il lago e per un attimo la mente torna ai vent’anni trascorsi in riva al Lemano. Ma è solo un attimo. «Sono onorato di essere qui, era ciò che volevo ardentemente. Conosco il Lugano da 20 anni e so quanto contano le emozioni. Ecco, sono pronto a dare il cento percento a livello di sforzo personale. Questa per me è una grande sfida, ho tutto da dimostrare». Si è presentato così, McSorley, in maniera anche un po’ formale. Poi, con il passare dei minuti, il 59.enne canadese si è sciolto.

Un lungo inverno«Da quando sono iniziati i contatti con Hnat Domenichelli,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1