La «prima» di Mark Arcobello

Hockey

Mai l’americano aveva realizzato una doppietta con la maglia del Lugano

La «prima» di Mark Arcobello
Mark Arcobello, capitano del Lugano. ©CDT/GABRIELE PUTZU

La «prima» di Mark Arcobello

Mark Arcobello, capitano del Lugano. ©CDT/GABRIELE PUTZU

«Fusse che fusse la volta buona», diceva Nino Manfredi in una vecchia pubblicità italiana. Già, chissà se è davvero la volta buona per il Lugano. Fatto è che i bianconeri, dopo aver vinto il derby ,sono andati a far festa anche a Losanna. E che festa. Otto le reti rifilate ai vodesi, che si sommano alle cinque realizzate contro l’Ambrì Piotta. Prima della pausa, la formazione di Chris McSorley aveva avuto bisogno di otto partite per totalizzare 13 gol. Sì, indubbiamente la sosta per la nazionale ha fatto un gran bene al Lugano, che oltre a ritrovare alcuni preziosi elementi ha soprattutto riportato in pista la giusta attitudine.

Un attacco ritrovato

Sostenuto da un power-play micidiale, a Losanna il Lugano ha colpito con sette diversi giocatori e anche il generosissimo Loic Vedova ha assaporato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1