La Svizzera batte di nuovo la Russia

hockey su ghiaccio

Nella seconda amichevole a Bienne, i rossocrociati di Patrick Fischer si sono imposti per 1-0

La Svizzera batte di nuovo la Russia
@KEYSTONE/ Peter Klaunzer

La Svizzera batte di nuovo la Russia

@KEYSTONE/ Peter Klaunzer

La Svizzera batte di nuovo la Russia
@KEYSTONE/ Peter Klaunzer

La Svizzera batte di nuovo la Russia

@KEYSTONE/ Peter Klaunzer

Seconda partita di preparazione al campionato del mondo e secondo successo svizzero. A Bienne, la squadra di Patrick Fischer ha vinto 1-0 contro la Russia.

La prima sfida di ieri tra le due squadre aveva certamente fatto venire voglia agli allenatori di mandare tutti i giocatori in sala riunioni per rivedere a video come difendere in zona neutra. Per questa «rivincita», diremo che ai bulloni è stato dato un leggero giro di vite. Ma non c'è bisogno di meravigliarsi delle entrate o delle uscite di zona più di quanto sia ragionevole. La preparazione è appena iniziata e ci sono molti aggiustamenti da fare.

I giocatori che erano in buona forma venerdì si sono messi in evidenza anche sabato. La coppia Fuchs-Mottet ha fatto bene, pur non sporcando il foglio delle statistiche. Lo stesso vale per Christoph Bertschy, che ha segnato nella prima partita ed è stato spesso presente nella parte russa del ghiaccio.

Il gol di apertura è arrivato al 34’ dal bastone di Fabian Heldner. Il difensore del Losanna ha approfittato di un passaggio del suo compagno di club Lukas Frick.

Dopo aver fatto partire da titolare Niklas Schlegel, Patrick Fischer ha logicamente affidato la rete a Joren van Pottelberghe. Nella sua pista, il portiere del Bienne ha fornito una prestazione molto solida e si è guadagnato uno shutout. Nel terzo periodo, il blocco difensivo non ha corso troppi rischi rimanendo compatto intorno al suo portiere. Di conseguenza, i russi hanno concentrato i loro sforzi sulle bande laterali ma la Svizzera è stata in grado di contenere gli assalti più pericolosi.

Il programma della Svizzera a Bienne non è ancora finito, resta da giocare la partita contro l'Italia martedì sera. Se la difesa sembra essere in buona forma al momento, l'attacco deve trovare la sua compattezza contro la squadra transalpina, che è necessariamente meno solida difensivamente della “Sbornaïa”, composta da giocatori della KHL.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1