MONDIALI DI HOCKEY

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

Norvegia battuta 4-1: i rossocrociati restano a punteggio pieno - LE FOTO

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>
(Foto Keystone)

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

(Foto Keystone)

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

<b>La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale</b>

La Svizzera cala il poker e si prepara al trittico infernale

BRATISLAVA – Quarta partita al Mondiale, quarta vittoria rossocrociata. Percorso immacolato, dunque. Praticamente un’ipoteca sui quarti di finale. Contro la Norvegia va in scena una partita senza grandi contenuti, giocata a basso ritmo davanti a pochi spettatori (4.673). Quel che conta, però, è il risultato. Finisce 4-1: Ambühl apre le marcature dopo 5 minuti e mezzo, Hischier raddoppia in entrata di periodo centrale, mentre Hofmann e ancora Ambühl chiudono i conti nella terza frazione. Peccato per il gol di Lindstrom che al 58’04’’ toglie a Genoni la gioia dello “shutout”

Ora i rossocrociati avranno due giorni liberi prima di un intenso weekend che li vedrà sfidare la Svezia (sabato) e la Russia (domenica), due candidate alla medaglia d’oro. Martedì sarà poi la volta della Repubblica Ceca. Affrontare questo trittico infernale con la pancia piena di punti e di fiducia è la premessa ideale per andare a caccia di imprese, senza pressioni. Di seguito la cronaca del match.

Primo tempo

Dopo una breve fase di studio, al 5’30’’ la Svizzera passa in vantaggio grazie ad Ambühl, ben servito da Bertschy. Haas ha subito l’occasione per raddoppiare, poi i rossocrociati perdono smalto. Superata una prima inferiorità numerica, i rossocrociati vivono momenti di confusione attorno al 14’, quando il computo totale dei tiri in porta dice 12 a 6 per la Norvegia. Dopo un’interruzione pubblicitaria, gli uomini di Fischer ritrovano un po’ di ritmo e in un paio di minuti ribaltano la statistica delle conclusioni. Il primo power-play produce solo un palo di Martschini al 16’58’’.

Secondo tempo

A Nico Hischier bastano 34 secondi per inventarsi un’azione in aggiramento che vale il 2-0. La Svizzera non rischia troppo nemmeno al 25’, con Fora espulso. Gli unici spaventi sono due duri colpi rimediati dallo stesso Fora e da Kurashev, fortunatamente senza conseguenze. Per la carica su quest’ultimo, Martinsen riceve 2’+10’ di penalità. Al 31’ è Ambühl a finire sulla panchina dei cattivi, ma i nordici non riescono mai ad impensierirci. Il periodo centrale scorre via senza grosse emozioni.

Terzo tempo

Il primo brivido dell’ultima frazione lo regala Praplan, con una bella azione personale al 44’15’’. La Norvegia cerca di rientrare in partita, impegnando Genoni senza troppa convinzione, ma al 49’01’’ incassa il 3-0 di Hofmann: Martschini ruba il disco a metà pista, parte in velocità e serve il futuro compagno dello Zugo per la rete che chiude la partita. Ad abbellire ulteriormente il punteggio al 56’02’’ arriva il 4-0 di Ambühl, che sporca un tiro di Genazzi firmando la doppietta personale. Lo shutout di Genoni sfuma al 58’04’’, quando Lindstrom si presenta tutto solo davanti a lui per il 4-1. Peccato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Hockey
  • 1