Le nuove gerarchie di Serge Pelletier

Hockey

Oltre a rivoluzionare il sistema, il coach bianconero ha anche rivisto i minutaggi dei giocatori: vediamo come

Le nuove gerarchie di Serge Pelletier
Serge Pelletier ha dato un svolta alla stagione bianconera. © Keystone/Jürgen Staiger

Le nuove gerarchie di Serge Pelletier

Serge Pelletier ha dato un svolta alla stagione bianconera. © Keystone/Jürgen Staiger

A Lugano sono cambiati l’allenatore, gli assistenti, il sistema di gioco, l’umore, i risultati, la classifica, il vento. Ma non è tutto. Per invertire la rotta, Serge Pelletier ha cambiato anche le gerarchie in pista. Traduzione: rispetto a prima, c’è chi gioca di più e c’è chi gioca di meno. Abbiamo fatto qualche calcolo, confrontando i minutaggi medi dell’intera stagione con quelli delle cinque partite disputate nel 2020, valse 12 punti. Cinque partite nelle quali Pelletier ha potuto davvero lasciare un segno tangibile dopo il lavoro svolto durante la sosta natalizia.

Lo straniero che non c’era

La svolta più evidente riguarda la composizione del quartetto straniero: addio alla formula del 2+2 (imprescindibile per Sami Kapanen) e spazio costante ai tre attaccanti d’importazione, salvo indisponibilità....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1