Lugano in apnea: ci vuole coerenza tra le parti in causa

Hockey

I bianconeri si leccano le ferite dopo la batosta dell’Hallenstadion

 Lugano in apnea: ci vuole coerenza tra le parti in causa
Il Lugano di Stefan Müller nulla ha potuto contro lo Zurigo. ©KEYSTONE/ENNIO LEANZA

Lugano in apnea: ci vuole coerenza tra le parti in causa

Il Lugano di Stefan Müller nulla ha potuto contro lo Zurigo. ©KEYSTONE/ENNIO LEANZA

Una sberla in pieno volto. Inattesa, di quelle che fanno ancora più male. Una sventola che, in un modo o nell’altro, non può lasciare indifferenti. Umiliato nel punteggio a Zurigo, alla quarta sconfitta consecutiva e con un margine di soli tre punti dalla linea, il Lugano è davanti a un bivio: o reagisce subito o rischia di perdersi in un mare di dubbi. La parola crisi non è forse ancora di attualità, ma è indubbio che la squadra bianconera sta camminando su una corda molto sottile. In fondo in questa stagione definita di transizione nessuno si attende miracoli. Ma nemmeno di scivolare nella mediocrità come all’Hallenstadion: dove si può perdere, certo, ma non così. Ai bianconeri si chiede soprattutto coerenza, a tutti i livelli: individuale e tra chi deve scegliere e prendere decisioni. In...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1