Lugano, stranieri spremuti? Non più di quel tanto

Hockey

Arcobello ha giocato meno che a Berna, Boedker è solo 36. tra i giocatori più utilizzati

Lugano, stranieri spremuti? Non più di quel tanto
Boedker e Arcobello, straniero sotto accusa. ©CDT/GABRIELE PUTZU

Lugano, stranieri spremuti? Non più di quel tanto

Boedker e Arcobello, straniero sotto accusa. ©CDT/GABRIELE PUTZU

Continua a far discutere la clamorosa eliminazione dai playoff del Lugano ad opera del Rapperswil. In sole cinque partite. Sono tante le chiavi possibili di lettura: tra queste spicca – perché evocata anche dalla dirigenza bianconera – il tempo di utilizzo durante la stagione regolare dei giocatori stranieri. In particolare di Tim Heed, Mark Arcobello e Mikkel Boedker.

«La squadra – ha affermato al termine di gara-5 la presidente Vicky Mantegazza – è arrivata a questo punto della stagione senza benzina. Quando si spremono così tanto i giocatori durante la regular season alla fine la si paga». Un’accusa nemmeno tanto velata nei confronti di Serge Pelletier, insomma. «Non penso di aver dato troppo ghiaccio ad alcuni elementi - ha indirettamente replicato Serge Pelletier –. Se facciamo un paragone...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1