Partita folle a Langnau, il Lugano salva un punto

Hockey

Bianconeri battuti 6-5 all’overtime dopo aver rimontato due reti nell’ultimo minuto grazie a Hudacek

Partita folle a Langnau, il Lugano salva un punto
© KEYSTONE/Marcel Bieri

Partita folle a Langnau, il Lugano salva un punto

© KEYSTONE/Marcel Bieri

Il Lugano esce sconfitto 6-5 dalla Ilfis di Langnau al termine di una partita semplicemente folle, finita all’overtime. La squadra di Chris McSorley vola sul 2-0 in poco più di quattro minuti grazie a Thürkauf e Josephs, si fa ribaltare dal Langnau ancora nel primo tempo, va sotto 4-2 a metà del periodo centrale, riapre i conti con Josephs al 37’, ma sembra cedere dopo il 5-3 di Huguenin a tre decimi dalla seconda sirena. Nella terza frazione i padroni di casa si accontentano di difendere il risultato, la squadra di McSorley spreca due power-play ravvicinati, ma nell’ultimo minuto, con Fadani (serata difficile per lui) richiamato in panchina, trova il clamoroso pareggio con due reti di Hudacek, alla seconda doppietta in due partite. All’overtime decide Pesonen.

Primo tempo
Il Langnau tira quattro volte nei primi 90 secondi, ma Fadani è attento. Due pericolose incursioni di Hudacek ed Herburger lanciano la partita del Lugano, che al 2’31’’ conquista il primo power-play grazie a Vedova. Con Sturny espulso, Thürkauf segna l’1-0 al 3’01’’, sfruttando un maldestro controllo di Blaser nell’area di porta. Al 4’15’’ arriva il raddoppio di Josephs, che chiude una rapida transizione dialogando con Fazzini e Thürkauf. Al 7’51’’ i Tigers sprecano una superiorità numerica regalata da Wolf, costretto al fallo d’emergenza dopo aver perso il disco. I Tigers spingono e al 13’07’’ accorciano le distanze: Fadani respinge un tiro di Grenier, ma il rimbalzo finisce sul bastone di Schmutz, autore dell’1-2. Al 15’58’’ il Lugano torna a giostrare in 5 contro 4, rischiando grosso su un break avversario. Al 16’45’’ il power-play evapora per un’ingenuità di Fadani, che gioca il disco fuori dall’area predisposta, incassando due minuti. Al 18’15’’, con l’uomo in più, il Langnau pareggia in contropiede grazie a Pesonen, servito dal solito Olofsson. Decisiva la deviazione di Müller. I bianconeri vanno nel pallone e al 19’48’’ incassano pure il 3-2 di Huguenin con uno slap dalla blu.

Secondo tempo
Al 21’55’’ viene espulso Nodari, ma il box-play non corre grossi rischi. Al 29’11’’ il Langnau trova però il 4-2: Fadani non trattiene un tiro non irresistibile dalla distanza, il disco gli finisce dietro i gambali e l’indemoniato Olofsson lo tocca in rete. Gli ospiti non riescono a reagire, ma al 34’58’’ si ritrovano con l’uomo in più per un fallo in attacco di Petrini: prima Fazzini colpisce due ferri, poi Josephs insacca il 4-3 al 36’48’’ con un tiro a fil di palo. I bianconeri spingono alla ricerca del pareggio, ma al 39’06’’ viene espulso Müller e proprio sulla sirena Huguenin firma il 5-3 con un altro tiro dalla linea blu che Fadani non vede partire.

Terzo tempo e overtime
Il Lugano prova a rientrare in partita, ma non riesce a costruirsi occasioni da rete. I Tigers badano al sodo, senza correre rischi inutili e rifugiandosi spesso in liberazione vietata. Al 49’07’’ Salzgeber viene penalizzato per bastone alto. Con l’uomo in più, Fazzini spara addosso a Mayer da distanza ravvicinata. Al 53’56’’ altra superiorità numerica per i bianconeri e altra occasione sprecata. Al 58’51’’ McSorley chiama il time-out e toglie Fadani. Al 59’01’’ Hudacek trova il tiro all’incrocio che vale il 5-4. Al 59’39’’ ancora lo slovacco trova il clamoroso pareggio. Nel supplementare gioca meglio il Lugano, ma al 62’56’’ è Pesonen a decidere la partita in contropiede.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1