Hockey

Per il Lugano è un’altra serata amara

In vantaggio 2-0 i bianconeri vengono battuti a Zurigo

 Per il Lugano è un’altra serata amara
(foto Keystone)

Per il Lugano è un’altra serata amara

(foto Keystone)

 Per il Lugano è un’altra serata amara

Per il Lugano è un’altra serata amara

 Per il Lugano è un’altra serata amara

Per il Lugano è un’altra serata amara

 Per il Lugano è un’altra serata amara

Per il Lugano è un’altra serata amara

 Per il Lugano è un’altra serata amara

Per il Lugano è un’altra serata amara

 Per il Lugano è un’altra serata amara

Per il Lugano è un’altra serata amara

 Per il Lugano è un’altra serata amara

Per il Lugano è un’altra serata amara

ZURIGO – Ancora una sconfitta per il Lugano. Nell’importantissima sfida dell’Hallenstadion i bianconeri sono stati battuti per 7-4 dagli ZSC Lions.

Primo tempo

Al suo primi tiro in porta il Lugano passa in vantaggio: è il 4’17’’ quando Gregory Hofmann concretizza una bella azione collettiva. I bianconeri approfittano anche del primo power-play di serata per raddoppiare: è Loeffel a fulminare Flüeler dalla linea blu. Il Lugano controlla, ma dal nulla lo Zurigo al 18’39’’ riduce lo scarto con Klein, che batte Merzlikins dalla lunga distanza.

Secondo tempo

Succede di tutto. I Lions pareggiano subito con Herzog e al 32’02’’ passano per la prima volta in vantaggio in doppia superiorità numerica (espulsi contemporaneamente Ulmer e Fazzini) grazie a Chris Baltisberger. Il Lugano subisce e il colpo e incassa ancha la quarta rete di Bodenmann. Basta però un tito nel traffico di Ulmer al 35’16’’ per riaprire i giochi. Succede di tutto. I Lions pareggiano subito con Herzog e al 32’02’’ passano per la prima volta in vantaggio in doppia superiorità numerica (espulsi contemporaneamente Ulmer e Fazzini) grazie a Chris Baltisberger. Il Lugano subisce e il colpo e incassa ancha la quarta rete di Bodenmann. Basta però un tito nel traffico di Ulmer al 35’16’’ per riaprire i giochi.

Terzo tempo

Il Lugano sembra entrare in pista con il piglio giusto, ma non riesce a rendersi particolarmente pericoloso dalle parti di Flüeler. E allora lo Zurigo ne approfitta per chiudere i conti in soli 27 secondi: Backman e Pettersson portano i Lions sul 6-3. Al 54’14’’ va a segno Hofmann. Ma è troppo tardi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1