Per il Lugano vittoria con shutout

hockey

I bianconeri battono 2-0 il Ginevra e lo superano in classifica

Per il Lugano vittoria con shutout
© KEYSTONE/Pablo Gianinazzi

Per il Lugano vittoria con shutout

© KEYSTONE/Pablo Gianinazzi

Un altro successo per il Lugano, il quarto di fila. I bianconeri hanno superato il Ginevra per 2-0 grazie soprattutto ad un’ottima prova difensiva, A realizzare le reti della squadra di Pelletier sono stati Fazzini nel periodo centrale e Dario Bürgler a porta vuota nelle fasi finali della sfida

Primo tempo

L’inizio della partita è equilibrato, con qualche occasione - non nettissima - ad onore del vero - da una parte e dall’altra. Al 7’30’’ Morini arriva con un attimo di ritardo su un perfetto passaggio di Arcobello. Il Lugano concede troppo spazio nel suo slot agli attaccanti ginevrini, ma all’11’50’’ è ancora Arcobello ad andare vicino al gol con un velenoso tiro incrociato. È però il Ginevra a rendersi più pericoloso - e con più costanza - in fase offensiva. Il Lugano fa tremare Descloux quando Winnik riceve 2’ di penalità, ma il portiere regge. E al 18’42’’ Fazzini colpisce un clamoroso palo.

Secondo tempo

Il Ginevra comincia spingendo forte e la difesa del Lugano va in affanno. Al 4’ Damien Riat costringe Schlegel ad un grande intervento. Poco più tardi è Tömmernes ad impegnare due volte il portiere bianconero. Al 28’10’’ Chiesa finisce sulla panchina dei cattivi: il Lugano suda freddo, Schlegel è imperiale e il risultato non si sblocca. Al 31’34’’ è Mercier ad accomodarsi sulla panchina dei cattivi: Vermin sfiora la rete dopo un errore di Heed, ma al 32’40’’ il Lugano passa in vantaggio grazie a Fazzini, che trova un polsino dei suoi. Poi al 38’07’’ Kurashev spara fuori da ottima posizione.

Terzo tempo

Il Servette spinge subito forte sull’acceleratore e la difesa bianconera deve sacrificarsi in un duro lavoro di contenimento. Davanti i bianconeri non si fanno quasi più vedere: a rompere il ritrmo ginevrino è Riva, al 50’31’’, con un tiro facie preda di Descloux. Al 51’ Arcobello cerca l’angolino di finezza, ma non lo trova. Fazzini poco dopo copie un intervento difensivo che vale qusi come un gol. Al 5540’’ Bertaggia colpisce il palo e spreca così l’occasione per chiudere i conti. Al 58’30’’ il Ginevra toglie il portier: Bürgler decide la sfida a porta vuota al 59’34’’ e regala tre punti al Lugano.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1