Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Hockey su ghiaccio

I biancoblù battono il Lugano 6-4 in rimonta e allungano sulla linea

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby <br />che sa di playoff
Foto Keystone

Per l’Ambrì è un derby
che sa di playoff

Foto Keystone

AMBRÌ - Grande passo verso i playoff per l’Ambrì Piotta, che vince in rimonta un derby pazzo e spedisce il Lugano a 6 punti di distanza. Complice la sconfitta del Ginevra in casa con il Davos, i biancoblù hanno ora 5 lunghezze di vantaggio sulla linea, con 2 partite in meno del Servette. I bianconeri si consolano con il k.o. del Friburgo a Losanna: l’ottavo posto resta a un solo punto.

La sfida della Valascia era iniziata al meglio per la squadra di Greg Ireland, passata in doppio vantaggio nel giro di 4 minuti e poi sul 3-1 al 10’. I leventinesi – mentalmente solidissimi – hanno però pareggiato i conti ancora nel primo tempo, completando il sorpasso all’inizio del periodo centrale e chiudendo i conti in entrata di terzo tempo con il 5-3 di Kostner. Il gol di Chiesa a 4 minuti dal termine ha riacceso le speranze degli ospiti, ma Bianchi ha sancito il risultato finale di 6-4 al 58’35’’.

Di seguito la cronaca del match
Primo tempo
Il Lugano parte forte, l’Ambrì Piotta è eccessivamente nervoso e non ne azzecca una. All’1’12’’ arriva così il vantaggio bianconero con Hofmann, servito da Morini dopo un errore di Jelovac. Al 4’02’’ ecco pure il raddoppio di Chorney con un tiro da posizione angolata su assist dello stesso Hofmann. La reazione dei leventinesi arriva subito dopo: tiro di Novotny, respinta di Merzlikins e tocco in rete di Hofer per l’1-2 al 4’57’’. Dopo lo shock iniziale, la squadra di Cereda ritrova vigore, ma il forecheck bianconero continua a metterla in difficoltà. Ed è proprio così, al 9’40’’, che nasce la splendida rete del 3-1 firmata ancora da Hofmann con un tiro a mezz’aria. Altro colpo di scena al 13’28’’: per un problema al materiale, Merzlikins deve lasciare temporaneamente il posto alla riserva Stefan Müller. Al 15’14’’ Elvis torna tra i pali, ma appena 4 secondi più tardi viene superato dal 2-3 di Jelovac. Al 18’01’’ ecco la prima penalità della serata, sul conto di Loeffel. Il power-play leventinese non perdona: al 19’06’’ è ancora Hofer a firmare il 3-3 su ottimo invito di Kubalik.
Secondo tempo
Il periodo centrale entra subito nel vivo. È un continuo sali e scendi, con transizioni pericolose da una parte e dall’altra. Tra i protagonisti c’è Plastino, che prima ferma Fazzini con un grande intervento difensivo in tuffo, poi segna la rete del 4-3 al 25’45’’. Gli arbitri la accordano dopo una lunga analisi video (la terza della serata), escludendo un’ostruzione su Merzlikins. Al 32’ Loeffel ha sul bastone il disco per il pareggio, ma l’Ambrì si salva. Nell’azione seguente, al 32’29’’, Kostner colpisce il palo. Tra il 34’ e il 38’ il Lugano butta via malamente due power-play consecutivi, entrambi conquistati da Bertaggia. È addirittura Ngoy a sfiorare la rete in shorthand. Il tempo si chiude con un fallo di Sannitz.
Terzo tempo
Al 42’02’’ Bertaggia reagisce a un fallo di Goi su Morini: ne nasce una bagarre che coinvolge anche Jörg, Ronchetti, Jelovac e Mazzolini. Di fatto, la vendetta di Bertaggia priva il Lugano di un power-play. Al 44’40’’ Diego Kostner dà una svolta alla partita realizzando il 5-3 con un tiro che sorprende Merzlikins. L’Ambrì controlla a lungo la situazione, fino al palo di Bürgler al 50’35’’ seguito da un’occasione di Sannitz respinta da Conz. Al 56’08’’, un po’ dal nulla, gli ospiti accorciano le distanze con Chiesa, dimenticato dalla difesa leventinese. Clamoroso l’errore di Kubalik a porta vuota nel finale: il ceco non ha mai segnato in un derby. Ma festeggia lo stesso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1