Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Hockey

I leventinesi partono male, recuperano nel periodo centrale ma vengono sconfitti da un gol di Hofer al 57’ - Luca Cereda: «Non parlo degli arbitri, ma in generale siamo in debito»

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì
Damiano Ciaccio è stato trafitto tre volte alla Tissot Arena.

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Damiano Ciaccio è stato trafitto tre volte alla Tissot Arena.

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

Quando il dio dell’hockey non è dalla parte dell’Ambrì

«Il Dio dell’hockey non è dalla nostra parte». Inizia così Luca Cereda al termine di Bienne-Ambrì. Per i biancoblù la trasferta in terra bernese si è rivelata essere agrodolce. Sull’ostico ghiaccio della Tissot Arena - dove i leventinesi hanno spesso faticato a imporsi nelle scorse stagioni - Grassi e compagni hanno nuovamente offerto una buona prestazione, in particolare nel periodo centrale, ma non è bastato per riportare in Leventina qualche prezioso punto.

Un buon secondo tempo

Nonostante le due reti nei primi minuti di gioco - seguito dal «time-out» del coach di sementina già al 6’18’’ - i leventinesi non si sono disuniti, continuando a pattinare e a mettere pressione sui padroni di casa. Nel periodo centrale, a sconvolgere gli equilibri ci ha pensato McMillan, che in powerplay (finalmente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1