Quando un colpo ne nasconde uno più importante

Ghiaccio Bollente

Dopo l’ingaggio di Ohtamaa il Lugano punta ad un altro straniero

 Quando un colpo ne nasconde uno più importante
Il presidente del Lugano Vicky Mantegazza a colloquio con il ds Hnat Domenichelli. (Foto Putzu)

Quando un colpo ne nasconde uno più importante

Il presidente del Lugano Vicky Mantegazza a colloquio con il ds Hnat Domenichelli. (Foto Putzu)

Non è mai elegante parlare degli assenti o di chi – passato a fare altro – non ha più voce in capitolo per difendere le proprie convinzioni. Senza allora farla troppo lunga, dall’immobilismo che anche nella passata stagione aveva contraddistinto la direzione sportiva dell’HC Lugano – con i risultati che tutti conoscono – si è passati ad una metodologia di lavoro molto più attiva e consona ai bisogni dell’hockey del giorno d’oggi. Nessuno ancora sa se le strategie di Hnat Domenichelli avranno successo a medio e lungo termine: certo è che il nuovo general manager bianconero in un mese di attività ha già fatto sentire tutto il tuo peso. In un contesto piuttosto bloccato – si è di fatto ritrovato una formazione già costruita dal suo predecessore – l’ex attaccante ha pure dimostrato di non guardare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1

    Senza un capitano, ma con la forza del gruppo

    HC Lugano

    I bianconeri si presentano con rinnovate ambizioni e puntano al quarto posto – Il messaggio di Vicky Mantegazza dall’estero: «Vogliamo portare gioia» – Marco Werder: «Serviranno spirito di adattamento, tolleranza e flessibilità»

  • 2

    L’Ambrì fatica a Olten

    Hockey

    Contro la squadra di Swiss League i biancoblù hanno la meglio per 2-1 grazie alle reti trovate nel terzo periodo da Kneubuehler e Pezzullo

  • 3

    In più di 3.000 alla Valascia? «Ecco com’è stato possibile»

    Hockey

    Il direttore generale dell’Ambrì Nicola Mona spiega come si è riusciti ad aumentare di circa 500 unità la capienza dei posti a sedere occupabili - «Riempiendo virtualmente di seggiolini curva e rettilineo ci siamo accorti di aver sottostimato lo spazio disponibile» - Ora serve il via libera del Cantone

  • 4
  • 5

    Fino a 3.100 posti a sedere alla Valascia

    hockey

    L’HC Ambrì-Piotta rivela il proprio piano di protezione aggiornato e assicura un posto a sedere a tutti quelli che hanno acquistato o rinnovato un abbonamento entro il 15 settembre

  • 1
  • 1